Il Mosè di Ridley Scott è l’ex Batman, Christian Bale

Christian Bale, noto per l’interpretazione di Batman, è l’attore scelto da Ridley Scott per il suo Exodus: un Mosè guerriero per il nuovo kolossal biblico

chiudi

Caricamento Player...

Se fosse una moda, il filone cinematografico dedicato alla Bibbia sarebbe tra i trend più in auge del momento. L’ultimo kolossal hollywoodiano che vede per protagonista un personaggio biblico è Exodus: Gods and Kings, di Ridley Scott. In parole povere, la storia di Mosè. Per interpretare il profeta che ha condotto alla libertà il popolo d’Israele, liberandolo dal giogo della schiavitù in Egitto, il regista de Il Gladiatore ha scelto un attore d’eccezione: Batman.

Proprio così. È Christian Bale il prescelto. Noto appunto per l’interpretazione dell’Uomo Pipistrello oltre che per quella di un simpatico truffatore in American Hustle,  l’attore inglese dovrà cimentarsi con un mostro sacro dell’iconografia cinematografica di tutti i tempi, il Mosè di Charlton Heston, figura centrale del kolossal I dieci comandamenti di Cecil DeMille, datato addirittura 1953.

Un Mosè dalla lunga barba bianca e dai toni sacrali, patriarcali, gravi in ogni gesto ed atteggiamento. Quello di Ridley Scott e Christian Bale, invece, sarà un Mosè più dinamico e battagliero, più guerriero che filosofo, più uomo di spada che dispensatore di miracoli e prodigi. Un Mosè d’azione, insomma, adattato allo spirito dei tempi moderni. Certo, un modo per assecondare i gusti degli spettatori ma anche per differenziarsi in qualche modo da un predecessore rimasto gioco forza impresso nell’immaginario di tutti.

Per il suo Exodus, Ridley Scott ha avuto a disposizione un budget di svariate centinaia di milioni di dollari. Spesi in buona parte negli effetti speciali e nelle grandiose ricostruzioni degli scenari biblici dell’antico Egitto, oltre che nei ricchi cachet dei tanti attori di grido scelti per impreziosire il cast.. Divi veri e propri, da John Turturro a Sigourney Weaver, passando per Ben Kingsley, Aaron Paul e Joel Edgerton.

L’uscita del  film è in programma entro la fine del 2014, a meno di un anno da Noah, altro kolossal biblico che però ha in parte deluso le attese in termini di critica e di  incassi. Ridley Scott è convinto che il suo film avrà più successo: “Pensavo di conoscere la storia di Mosè, non era affatto così. Due sono le cose: o non sono stato molto attento durante il catechismo, oppure col tempo me ne sono dimenticato. Quel che conta è che sono rimasto davvero colpito dalla sua vita”.

Guarda cosa accadde oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”22622″]