E’ morto lo Scrittore e Latinista Luca Canali

E’ morto domenica 8 giugnon a Roma all’età di 88 anni il noto e autorevole scrittore Luca Canali.

chiudi

Caricamento Player...

Roma in lutto per la morte di uno dei suoi cittadini più illustri, Luca Canali, poeta, scrittore e latinista mancato domenica 8 giugno all’età di 88 anni.

Canali, oltre all’attività di narratore e poeta, è ricordato per importanti saggi accademici, come quelli su Cesare e Lucrezio, ma anche per le sue celebri traduzioni dei classici (Virgilio soprattutto). Oltre che a Roma, Canali insegnò per quindici anni Letteratura Latina all’università di Pisa, prima di abbandonare la cattedra per una grave nevrosi.

Canali è stato anche uno storico militante di sinistra, iniziando nelle fila del Partito d’Azione per poi iscriversi al Partito Comunista a soli venti anni. Dal partito venne però radiato nel 1958 per il suo dissenso alla posizione del partito nei riguardi della rivolta in Ungheria.

Luca Canali è stato un poeta molto prolifico, privilegiando tematiche di forte carica espressiva come la solitudine, la nevrosi, la depressione, la guerra e la Resistenza. Tra le sue opere più importanti si ricordano le raccolte “Un’altra stagione” (1959), “La deriva” (1979), “Il naufragio” (1983), “Toccata e fuga” (1984).

Tra le sue opere più “intimiste” vi sono “Autobiografia di un baro” (1983),  “La Resistenza impura” (1965), “La vecchia sinistra” (1970), “Il sorriso di Giulia” (1979), “Diario segreto di Giulio Cesare” (1994), “Nei pleniluni sereni (Lucrezio)” (1995), con il quale è stato, tra l’altro, finalista al Premio Strega e “Cronaca di follie e amori impossibili” (2004). Il suo ultimo libro è stata la raccolta poetica “Anticlimax”, uscita a inizio 2014.

Guarda cosa Accadde Oggi:

[jwplayer player=”1″ mediaid=”17642″]