Morte della piccola Nicole: i periti accusano la clinica

Non il 118 ma la clinica di Catania Gibiino sarebbe la responsabile della morte della piccola Nicole, di Pietro. A stabilirlo la consulenza medico-legale della Procura.

chiudi

Caricamento Player...

“Arresto irreversibile delle funzioni vitali consecutivo a grave sofferenza acuta fetale”.

Queste sarebbero le cause della morte della piccola Nicole, la neonata deceduta il 12 febbraio scorso poche ore dopo la nascita avvenuta nella clinica Gibiino di Catania.

Un episodio che aveva scosso l’opinione pubblica nazionale e che aveva riportato alla ribalta un argomento sempre attuale: la malasanità.

Nicole era morta mentre era in ambulanza diretta a Ragusa per la mancanza di posti letto nell’Unità di terapia intensiva neonatale negli ospedali a Catania e a Siracusa.

Lo scrivono i periti medico legali nominati dalla Procura nella loro relazione dopo l’autopsia.

La mamma della bambina aveva avuto una gravidanza serena, nulla aveva fatto presagire un simile epilogo nella vicenda. Eppure la piccola Nicole era morta subito dopo la nascita.

Per l’assessore alla Salute Lucia Borsellino, ciò che si legge nella relazione di consulenza tecnica medico-legale trasmessa all’assessorato in merito alla morte della piccola Nicole:

“E’ una tappa importante di un percorso volto all’accertamento della verita’ sui fatti accaduti, attesa dai familiari, dalla collettivita’ e dagli operatori sanitari su un evento la cui risonanza mediatica ha anche inciso fortemente sull’immagine del sistema sanitario regionale”.

La perizia doveva verificare cause, epoca e mezzi del decesso della piccola Nicole di Pietro, se le condotte dei sanitari i quali a vario titolo hanno avuto in cura sia la gestante che la neonata, abbia influito sulla causa della morte di Nicole.

Sotto esame anche le decisioni di effettuare il trasferimento della neonata presso l’Ospedale di Ragusa: può questa scelta avere influito sulla morte della bambina.

Ma ancora: è stato rispettato il protocollo? Domande che per ora vedono un solo, unico responsabile.