Giornalista, scrittrice, parlamentare e assessore alle Pari opportunità del comune di Roma, Mariella Gramaglia si è spenta dopo una lunga malattia: una
 vita spesa dalla parte delle donne.

È morta a Roma Mariella Gramaglia. Una donna con alle spalle una vita trascorsa all’insegna dell’impegno politico e sociale come giornalista, scrittrice, parlamentare negli anni Novanta nella Sinistra indipendente e poi assessore alle Pari opportunità al Comune di Roma dal 2001 al 2006, durante la giunta Veltroni. Direttrice del mensile «Noi Donne», Mariella Gramaglia è stata anche docente presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Teramo.

Una donna sempre che ha sempre lottato per i diritti dei deboli, vicini e lontani, per i diritti delle donne. È lei stessa a raccontarsi con semplicità nel suo blog:

“Mi chiamo Mariella Gramaglia, sono nata a Ivrea e mi sono laureata in filosofia nel 1972. Tra Palazzo Campana, Mirafiori, Vanchiglia e Palazzo Nuovo ho visto molte albe lungo i viali e sotto i portici, quando Torino era fiammeggiante di molte passioni, ma non ancora swinging.Poi Roma e il femminismo, la grande scoperta della mia vita: quando i cuori delle donne hanno cominciato a cantare solo quando ne avevano voglia loro. Insieme alla politica ho cominciato il lavoro giornalistico: al Manifesto, alla Rai, al Lavoro, nelle riviste e infine a Noidonne, come direttrice nel 1985. Intanto nascevano due figli: Maddalena e Michele. Oggi due adulti, con dei bei sorrisi e due teste piene di idee”.

Un racconto, quello di Mariella Gramaglia, che si chiude con la scelta del 2007, il viaggio in India:

“Oggi, maggio 2007, lasciato il mio incarico di assessore, comincia una nuova storia. Vado in India, ad Ahmedabad, Gujarat, a collaborare con Sewa, un importante sindacato autonomo di donne, su incarico di Progetto Sviluppo e della Cgil. Amo l’India, ci sono stata molte volte, ma non ne voglio parlare qui sommariamente. Il blog nasce proprio per usare tutto il tempo e lo spazio che ci vuole per avvicinarmi prudente e modesta a uno dei soggetti più complicati che esistano. Dico solo che non sto scappando né dall’impegno, né dalla politica, che non ho una personalità particolarmente eroica o spericolata e che mi sto facendo un bellissimo regalo di libertà”.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-10-2014


Laura Pausini si sfoga su Facebook per la perdita del suo amato cane Brando, investito e abbandonato

Raffaella Fico e Mario Balotelli assieme a Brescia per la figlia Pia