Il mondo dice addio alla coraggiosa Brittany Maynard

La 29enne statunitense Brittany Maynard malata di cancro al cervello, ha deciso di mettere fine alla sua vita.

chiudi

Caricamento Player...

Brittany Maynard, la 29 enne statunitense malata di cancro al cervello che ha emozionato il mondo, si è suicidata.

In queste settimane Brittany Maynard, la sua storia e il suo coraggio, hanno fatto parlare tanto di loro. Malata di cancro in fase terminale, diagnosticato a inizio 2014, aveva annunciato qualche settimana in un video di aver scelto di andarsene dalla vita con l’eutanasia.

Lei che ha lottato per garantirsi una fine dignitosa, alla fine non ce l’ha fatto e ha compiuto il gesto che aveva annunciato.

Il cancro al cervello che l’aveva colpita non le avrebbe lasciato tempo per vivere, soprattutto nelle ultime settimane perchè la malattia le avrebbe tolto la dignità. Proprio pochi giorni fa sembrava aver annunciato di non voler ancora lasciare il mondo.

Leggi anche: Per Brittany Maynard non è ancora il momento dell’eutanasia per amore

L’annuncio è stato dato da un portavoce dell’associazione “Compassion & Choices”, Sean Crowley:

“Brittany Maynard soffriva di convulsioni sempre più lunghe e frequenti, di forti dolori alla testa e al collo e di sintomi simili a quelli dell’ictus. Poiché la situazione era sempre più grave, ha deciso di abbreviare il processo di morte assumento i farmaci che aveva ricevuto mesi fa”.

Su Facebook, ha lasciato quest’ultimo messaggio:

“Addio a tutti i miei cari amici e alla mia famiglia, che amo. Oggi è il giorno che ho scelto per morire con dignità, davanti alla mia malattia terminale, questo terribile cancro che ha portato via così tanto da me, ma che avrebbe preso ancora di più. Il mondo è un bel posto, il viaggio è stato il mio maestro più grande, i miei amici più stretti e miei parenti sono le persone più generose e altruiste. Ho anche un cerchio di supporto intorno al mio letto, mentre scrivo… Addio mondo. Spargete buona energia. Siate generosi, pagate in anticipo per restituire ad altri il bene che ricevete”.