“Il mio amante è più bravo di te a letto” lui prende un coltello e tenta di ucciderla

Storia di ordinaria follia in un centro commerciale americano: la moglie gli confida che l’amante è di gran lunga più abile di lui sotto le lenzuola. Il marito non ha esitato: ha preso il coltello che aveva in tasca e l’ha pugnalata.

Lui si chiama David Barrow, ha 46 anni ed è il protagonista di una storia di pazzia pura che vede protagonisti marito, moglie ed amante.

In un centro commerciale ha accoltelalto la moglie davanti a tutte le persone presenti. Motivo di tale rabbia (se mai potesse esserci un motivo valido): la donna, Nicolette Barrow, gli aveva confidato durante una furiosa litigata che il suo amante era di gran lunga più abile sotto le lenzuola.

La discussione era iniziata mentre moglie e marito erano a fare spesa ed era culminata con una frase che aveva punto nell’orgoglio l’uomo. La signora Nicolette, riferendosi all’altro partner, aveva detto:

“E’ molto più bravo di te a fare sesso”.

Una frase assolutamente inappropriata ma che ha inaspettatamente mandato su tutte le furie David Barrow che alla parola “amante” ha dato letteralmente di matto. L’uomo ha tirato fuori dalla tasca un pugnale e non ha esitato un istante a utilizzarlo contro sua moglie Nicolette , provocandole ferite in tutto il corpo ma soprattutto lesioni serie al fegato.

Panico tra le persone che in quel momento si trovavano al centro commerciale che hanno iniziato ad urlare terrorizzate. Per quella folle vendetta David Barrow non l’ha fatta franca. Ad intervenire sono stati gli addetti alla sicurezza del centro che hanno immediatamente bloccato l’uomo e contattato un’ambulanza che provvedesse al ricovero della donna in ospedale.

Catturato dalla polizia David Barrow stato condannato a scontare 4 anni e mezzo di carcere. L’uomo, messo alle strette, ha ammesso di aver agito contro la moglie Nicolette con l’intento di procurarle gravi ferite, ma non di ucciderla.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 02-12-2014

Emanuela Bertolone

X