Michelle Obama senza velo al funerale sfida il mondo islamico

Michelle Obama ha incontrato il nuovo re dell’Arabia Saudita Salman a Riad senza velo e ai funerali del re saudita Abdullah insieme al marito Barack ha indossato una lunga giacca colorata. La tv di Stato l’ha oscurata.

chiudi

Caricamento Player...

Colori sgargianti e nessun velo che le coprisse il capo. Michelle Obama sfida il mondo islamico e la tv di stato dell’Arabia saudita oscura l’immagine della First lady.

Le immagini della first lady Michelle Obama in visita in Arabia Saudita col marito Barack, per rendere omaggio al defunto re saudita Abdullah a volto scoperto hanno suscitato molte critiche.

Michelle Obama ha infatti sfidato le regole dell’Islam presentandosi a Riad a volto e capo scoperti. Anche l’abbigliamento però non era dei più consoni: per Michelle Obama pantaloni neri, casacca blu e giacca colorata.

Una mise che il popolo arabo ha ritenuto inappropriata per un funerale, a partire dalla casa regnante. L’Arabia Saudita da sempre impone regole ferree sul comportamento delle donne, ed esige che queste ultime indossino sempre il velo: una norma che d’abitudine non si impone alle donne straniere, ma è oramai tradizione che tutte le donne in visita al regno si coprano il capo. Una tradizione che Michelle Obama ha voluto, a quanto pare, sfidare.

Non c’è dubbio che Michelle sapesse del polverone che la sua scelta avrebbe provocato. Nata a Chicago nel 1964, Michelle intraprende gli studi che la porteranno a laurearsi presso la Princeton University e la prestigiosa Harvard Tornata a Chicago, lavora come avvocato associato nella società di rappresentanze legali Sidley Austin. In seguito viene nominata membro dello staff del primo cittadino della sua città natale, Richard M. Daley, partecipando al tempo stesso nello staff del Medical Center dell’Università di Chicago.

Impegni che più volte l’hanno vista impegnata a raffrontarsi con culture differenti e usi non americani, ecco perchè sono in molti a ritenere che la sua scelta fosse volutamente provocatoria.