Michele Buoninconti: ride con l’amica e si preoccupa per la casa

La trasmissione “Porta a Porta” ha mandato in onda un video ripreso in carcere su Michele Buoninconti. Nelle immagini, il marito di Elena Ceste è con un’amica che gli ha fatto visita. I due scherzano e ridono di gusto.

chiudi

Caricamento Player...

L’ultima puntata di “Porta a Porta” ha dedicato ampio spazio al caso di Elena Ceste.

Durante la puntata è stato mandato in onda un servizio durante il quale Michele Buoninconti si trovava nel carcere di Quarto d’Asti (nei giorni scorsi, è stato trasferito nel carcere di Verbania).

Michele Buoninconti si reca a messa ogni domenica, dipinge quadri con soggetti religiosi che poi regala agli altri detenuti e si comporta in maniera esemplare.

Nel filmato Buonincontri è immortalato mentre riceve una visita da un’amica. Tra i due iniziano una serie di battute al termine delle quali l’uomo inizia a ridere di gusto.

L’amica comprende che quella risata potrebbe essere interpretata male, perciò prova a fermarlo. Per tutta risposta lui replica:

“E cosa posso fare? Posso piangere? Sono finite le lacrime”.

Michele Buoninconti poi aggiunge:

“Ho fatto il calcolo delle telefonate che ho fatto a Elena. Mi hanno individuato in tre posti diversi, la terza a 460 orari”.

E scoppia di nuovo a ridere e poi aggiunge:

“L’avvocato mi ha detto: ‘Mi raccomando, basta donne'”

l’amica chiede a Buonincontri:

“Cosa stai combinando con queste donne? Sei andato a fare il porcellone”.

I riferimenti poi sono nei confronti di Teresa, una donna calabrese con la quale l’uomo avrebbe avuto una relazione. Il video prosegue mostrando l’uomo che deride un carabiniere.

Inoltre afferma di essere in cella da solo e di essere consapevole di essere intercettato.

“Quando vengono a trovarmi altri detenuti li avverto sempre. Gli dico ‘guardate che siamo intercettati, non parlate di cose vostre'”.

Infine, si preoccupa per la casa che è intestata alla moglie Elena.

Buonincontri ribadisce con forza che l’abitazione spetta a lui e ai figli:

“Mi vogliono togliere la casa. Quella spetta al marito e ai figli della defunta. Ora che esco vedremo a chi andranno i figli”.