Max Mara Whitney Bag, la borsa dal design esclusivo ideato da Renzo Piano

Sono 250 e sono numerate: le Whitney Bag di Max Mara sono un inno alla maestria architettonica e alla creatività italiana.

chiudi

Caricamento Player...

Si chiama Whitney bag ed è la borsa realizzata dal workshop di Renzo Piano per Max Mara, ispirata al design puro e ai materiali che caratterizzano il nuovo Whitney Museum of American Art.

Leggi anche: Max Mara, lezione di eleganza alla Milano Fashion Week

La Whitney bag esiste in due misure e quattro colori. Max Mara la propone grande in grigio/azzurro come edizione limitata a 250 pezzi numerati, mentre gli altri colori e misure sono  disponibili senza limite e fanno parte della collezione autunno inverno 2015/2016.

Max Mara3

Clicca qui per vedere la fotogallery della Whitney Bag di Max Mara!

Due scoparti laterali aperti e una ampia tasca centrale chiusa da una cerniere, la Whitney Bag di Max Mara è perfetta per l’ufficio, ma anche per essere la borsa da portare tutti i giorni con estrema eleganza. E’ dotata di un doppio manico e di una tracolla regolabile. Al’esterno è in morbida pelle di vitello e all’interno ha una bellissima fodera in rosso.

Oltre al grigio azzurro in edizione limitata, la Whitney Bag di Max Mara è disponibile nei colori cuoi, bordeaux e nero.

Renzo Piano ha così descritto il progetto in collaborazione con Max Mara:

“Questa è la prima esperienza, e credo rimarrà unica. Abbiamo deciso di accettare la proposta di Max Mara perché l’incarico è strettamente collegato al Whitney Museum of American Art, e alla sua prossima apertura al pubblico. E con l’intenzione di destinare i proventi per l’elaborazione del progetto alla Fondazione Renzo Piano, per finanziare le sue attività culturali e educative. L’idea iniziale è stata subito molto chiara: volevamo applicare uno degli elementi più caratterizzanti del progetto del museo, la facciata, alla borsa. Da qui l’idea di nastri modulari che avvolgono l’involucro. Abbiamo cercato di mantenere un design semplice e puro, lavorando solo sui dettagli attraverso un uso creativo della tecnologia, ed enfatizzando il rispetto per i materiali.”