Maurizio Costanzo parla di Tina Cipollari e del suo astio per Gemma Galgani

Nella rubrica per il settimanale Nuovo, Maurizio Costanzo è tornato a parlare dell’astio che Tina Cipollari mostra quotidianamente per Gemma Galgani.

chiudi

Caricamento Player...

Il conduttore Maurizio Costanzo più volte si è interrogato e ha parlato dello strano rapporto che intercorre tra l’opinionista di Uomini e Donne, Tina Cipollari, e la protagonista del trono over della trasmissione, Gemma Galgani. Le due donne battibeccano e litigano praticamente in ogni puntata. Gemma accusa Tina di far scappare tutti i suoi corteggiatori, mentre Tina sostiene che la donna non faccia altro che elemosinare amore, da mesi, da Giorgio Manetti.

Maurizio Costanzo: “Mi domando come sia nata questa antipatia”

Maurizio Costanzo parla di Tina Cipollari
FONTE FOTO: facebook.com/Tina-Cipollari

Costanzo si chiede: “L’antagonismo contro Gemma, creato dalla stessa Tina Cipollari, è un esempio di improvvisazione molto interessante. Quello che ancora non ho capito, a proposito del rapporto tra la Cipollari e Gemma, è come sia nata questa forte antipatia: è quasi astio quello che Tina prova nei suoi confronti”.

Ha poi aggiunto: “Lo si vede dal modo con cui formula le frasi, quasi come se le avesse fatto un grande torto. Talvolta sono portato a pensare, a freddo, che abbia individuato in Gemma il personaggio da contrastare e, da lì, abbia messo in piedi il teatrino. Se è così, onore al merito: c’è una certa sapienza in questa decisione e anche nella scelta di fare la guerra alla rivale. Secondo me è gelosa di Gemma”.

Secondo Maurizio Costanzo, quello che Tina ha messo in piedi con Gemma è un vero e proprio teatrino dai risvolti molto interessanti che catturano l’attenzione del pubblico: “Talvolta sono portato a pensare, a freddo, che abbia individuato in Gemma il personaggio da contrastare e, da lì, abbia messo in piedi il teatrino. Se è così, onore al merito: c’è una certa sapienza in questa decisione e anche nella scelta di fare la guerra alla rivale”.

Siete d’accordo?