Mathieu Flamini: dal Milan all’azienda biochimica…

Mathieu Flamini non è solo un calciatore, ma anche un imprenditore. Infatti il bomber ha investito nella GF Biochemicals, un’azienda biochimica.

chiudi

Caricamento Player...

Mathieu Flamini ex calciatore del Milan e poi anche dell’Arsenal, nel 2008 ha investito in una nuova attività. Infatti il bomber ha avviato a Caserta la GF Biochemicals, un’azienda biochimica. In questa azienda nello specifico viene utilizzato un acido che deriva dalle piante e viene prodotto un biocarburante. Il mercato previsto per questo progetto è di 20 milioni di euro.

Mathieu Flamini: azienda e progetti

Flamini è entrato in contato con Pasquale Granata, un ragazzo laureato in Economia. I due sono diventati ben presto amici e hanno scoperto subito che oltre al calcio avevano anche un’altra passione: il rispetto per l’ambiente e una visuale ecofriendly sul mondo. I ragazzi erano davvero intenzionati a fare qualcosa di serio per combattere le problematiche legate al surriscaldamento della terra.

Mathieu Flamini
Fonte foto: https://www.instagram.com/todayisprettygood/?hl=it

Così hanno dato vita alla GF Biochemicals. Prima hanno investito milioni di euro in un progetto stanziato dal Politecnico di Milano in cui si studiava il caso e come risolverlo. Insomma dovevano trovare delle fonte di energia rinnovabili in sostituzione al petrolio. Successivamente, in seguito ad esiti positivi, è nata l’azienda a Caserta. Non si tratta più di un solo e semplice progetto, ma di una vera e propria impresa che offre lavoro a più di 400 dipendenti e che ha uffici sparsi in tutto il mondo.

GF Biochemicals ringrazia l’Acido Levulinico

Il risultato ottimale dello studio è l’acido Levulinico! Questa molecola permette di sostituire il petrolio in tutte le sue forme, quindi anche tutti gli altri combustibili fossili. Ottenendo così un risparmio e un miglioramento dell’ecologia del sistema. L’azienda di Mathieu Flamini è l’unica impresa che è stata in grado di produrre questa sostanza in scala industriale.

Flamini in merito all’azienda ha fatto queste dichiarazioni al Post: “Mi hanno sempre interessato i problemi dell’ambiente e stavamo cercando un modo per contribuire a risolvere il problema. Dopo un po’ di tempo abbiamo scoperto l’acido levulinico: è una molecola identificata dal dipartimento dell’energia statunitense come una delle 12 molecole che potenzialmente potrebbero sostituire il petrolio in tutti i suoi usi”. Adesso che la sua carriera è eccellente non ci resta che vederlo con una splendida moglie.

Fonte foto: https://www.instagram.com/todayisprettygood/?hl=it, https://www.instagram.com/mathieuflamini/?hl=it