Mary Rider: “Ecco perché sono passata dal giornalismo al porno”

Mary Rider è un nome noto nel mondo del cinema e del mondo hard, nel quale si è trasferita dopo aver parlato con Rocco Siffredi.

chiudi

Caricamento Player...

Quello di Mary Rider è sicuramente un volto molto noto nel mondo del cinema a luci rosse, sia per le sue imprese che per la sua storia, molto diversa dalle altre. Mary si è infatti laureata, ha fatto un master e si avviava ad una promettente carriera nel mondo del giornalismo. A La Presse ha raccontato la sua storia.

Mary Rider e la sua indole esibizionista che l’ha portata verso il mondo hard

mary rider
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/MaryTheRider

A La Presse Mary ha raccontato: “Mary è il mio vero nome. Rider perché sono una motociclista. Cavalco una Suzuki Marauder ed il sogno è di attraversare la Route 66 sulla mia futura Harley Davidson. Ho sempre pensato che per riuscire in ciò che mi piace, avrei dovuto dare il massimo. Ma non sapevo come. Così ho studiato e viaggiato. Mi sono laureata, ho vinto borse di studio ed ho fatto un master. Sono diventata una “professionista” nell’ambito che avevo scelto. Poi mi hanno detto che, per fare strada in qualsiasi settore, dovevo farmi conoscere. Tra le righe, dovevo dare tutta me stessa per il lavoro. Solo che io sono sempre stata un po’ sopra le righe e li ho presi alla lettera senza ipocrisia e senza nascondermi. Ed eccomi qui. Ho dismesso gli abiti della reporter d’assalto per i palchi delle fiere internazionali ed i set hard”.

Ha poi aggiunto: “Tutto è cominciato per una congiuntura casuale di eventi che però mi hanno fatto scoprire la mia reale predisposizione esibizionista, spronandomi a prendere in mano la mia vita e diventare imprenditrice di me stessa”.

L’incontro con Rocco Siffredi si è poi rivelato importante e decisivo: “Era il 2014. Mi sono ritrovata alla fiera del Portogallo sotto lo sguardo di centinaia di persone. E qualche mese dopo Rocco Siffredi mi ha detto che, oltre a Rider di moto, dovevo esserlo anche di c***i. L’ho preso alla lettera, ed eccomi qui”.