La Prof.ssa Mary Melone è la Prima Donna Rettore dell’Antonium

La Congregazione per l’Educazione Cattolica ha nominato Rettore Magnifico della Pontificia Università Antonianum per il triennio 2014-2017 la prof.ssa Mary Melone, S.F.A., Decano della Facoltà di Teologia della stessa Università.

chiudi

Caricamento Player...

È la professoressa Mary Melone, decano della facoltà di Teologia, il nuovo rettore della Pontificia università Antonianum per il triennio 2014-2017ed è stata nominata dalla Congregazione per l’Educazione cattolica che succede al professor Martin Carbajo Núñez.

Mary Melone è nata a La Spezia nel 1964 e appartiene all’Istituto religioso delle Suore francescane angeline. Laureata in pedagogia e con un dottorato in teologia dogmatica e già preside dell’Istituto superiore di Scienze Religiose “Redemptoris Hominis” dell’Antonianum.

Oltre ad articoli e saggi comparsi su miscellanee e riviste – Antonianum, Doctor Seraphicus, Freiburger Zeitschrift für Philosophie und Theologie, Italia francescana, Quaderni di spiritualità francescana, Ricerche teologiche, Studi francescani, Theotokos – ha curato per le Edizioni Paoline i volumi di Riccardo di San Vittore La preparazione dell’anima alla contemplazione: Beniamino Minore e Antonio di Padova, Camminare nella luce: sermoni scelti per l’anno liturgico.

Paola Ricci Sindoni, presidente nazionale dell’Associazione Scienza & Vita commenta:

” La nomina a rettore della Pontificia Università Antonianum di suor Mary Melone è un riconoscimento alle qualità intellettuali della donna nella Chiesa. Le Università Pontificie dimostrano di cogliere con rinnovata sensibilità l’apertura al mondo femminile già anticipata da Papa Francesco che, riferendosi ‘tanto nell’ambito ecclesiale che in quello civile e delle professioni’, ha recentemente ricordato come per le donne si siano aperti ‘nuovi spazi e responsabilità’, auspicando che questi ‘possano ulteriormente espandersi. È anche il nostro auspicio in una prospettiva di riconoscimento e valorizzazione del pensiero femminile in ambito cattolico, come partecipazione attiva e concreta al discernimento e alla realizzazione della missione quotidiana della Chiesa”.

Guarda cosa accade oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”22885″]