Marco Maddaloni, chi è?

La scheda di Marco Maddaloni, atleta di Judo conosciuto dal grande pubblico per essere stato protagonista di Pechino Express

chiudi

Caricamento Player...

Marco Maddaloni è un’atleta di judo di fama internazionale. Classe 1984, Marco nasce a Napoli e inizia a muovere i primi passi nello sport del judo proprio nella palestra gestita dal padre Giovanni.

La carriera di atleta

Una passione forte quella per lo judo che unita ad un innato talento lo porta a conquistare primati davvero straordinari. Appena maggiorenne, infatti, nel 2002 vince il primo premio nella categoria dei 73 chilogrammi registrando un vero e proprio record tutto italiano. L’anno dopo trionfa nelle competizioni europee juniores e contemporaneamente decide di entrare nel corpo dei Carabinieri per poi successivamente passare nella Polizia di Stato. Una carriera straordinaria per l’atleta recentemente trionfatore con la medaglia d’oro durante la Coppa Europa di Bratislava. Una medaglia dal valore speciale per il giovanissimo atleta reduce da un intervento al menisco a cui è seguita la rottura del crociato anteriore.

La partecipazione a Pechino Express

Un momento davvero critico e complicato per l’atleta costretto a subire diversi interventi chirurgici sino al trapianto dei tendini. Per fortuna nel 2012, dopo diverse operazioni, Marco Maddaloni è tornato nel pieno delle sue forze dimostrando coraggio, tenacia e passione uniche. La vittoria della medaglia d’oro durante la Coppa Europa di Bratislava è stata la conferma di un talento unico e della sua immensa forza di volontà. Ora il suo prossimo obiettivo sono le Olimpiadi di Rio de Janeiro dove è pronto a dimostrare ancora una volta le sue qualità di atleta puntando dritto alla vittoria nella categoria judo. Oltre al suo percorso di atleta, Marco Maddaloni si è fatto conoscere dal grande pubblico per essere stato uno dei concorrenti della seconda edizione di Pechino Express, il reality televisivo di Raidue, dove ha gareggiato in coppia con il nuotatore Massimiliano Rosolino.

(fonte foto: Facebook)