Mara Venier, il fotoritocco esagerato che fa sparire ginocchio e coscia

Mara Venier è stata la protagonista di un fotoritocco esagerato per una campagna di moda, come ammesso sui social in prima persona.

chiudi

Caricamento Player...

Mara Venier è stata la protagonista di un servizio fotografico per un noto marchio di moda. Peccato che in una delle foto postate dalla conduttrice sui social, il fotoritocco sia stato così notevole da far sparire parte del ginocchio della coscia. Prima che fosse l’impietoso web a far notare la cosa, ci ha pensato Mara in persona, che ha usato l’ironia per sottolineare come la foto fosse eccessivamente ritoccata.

Mara Venier: “Ecco perché ho detto no a Chiambretti!”

Mara Venier
FONTE FOTO: instagram.com/mara_venier

Mara, nel frattempo, si è lasciata intervistare da Gente, a cui ha raccontato i motivi per cui ha detto a Piero Chiambretti, nell’affiancarlo alla conduzione di Matrix: “L’idea era carina e lui mi è simpaticissimo. Sono certa che mi sarei divertita, ma non me la sono sentita. Volevo stare un po’ con mio marito, in tranquillità. Se avessi accettato non mi sarei potuta godere due mesi di relax”.

La Venier, nel frattempo, è in vacanza ai Caraibi con il marito Nicola Carraro. Qui i due acquisteranno una casa, dove Carraro per lavoro vivrà sei mesi all’anno. Spiega Mara: “Mio marito passerà qui sei mesi all’anno, io farò la pendolare con l’Italia. Sai che cosa ho imparato con il tempo? A staccarmi dalle situazioni che non mi fanno stare bene, dagli ambienti che possono fagocitarti. Ho imparato a scegliere e a rinunciare. Soprattutto nel lavoro. Con gli anni sono diventata più saggia. E la serenità che sto vivendo ora la devo a questo posto magico che mi ha fatto fare pace anche con la malinconia che talvolta mi assale da quando è scomparsa mia mamma”. 

La conduttrice però non intende solo riposarsi o prendere il sole: “A dire il vero sto lavoricchiando alla mia nuova collezione di abiti per Luisa Viola. Mi appassiona e ci tengo moltissimo, ma è un impegno che posso gestire senza gli affanni delle dirette Tv, delle prove, degli ascolti”.