Manda dei topi nei ristoranti rivali

Succede a Philadelphia: il titolare di un ristorante entra nei locali vicino al suo buttando grossi topi. Denunciato dalla polizia

La polizia di Upper Darby, nella periferia di Philadelphia, ha raccolto la denuncia di due negozi della zona che hanno entrambi segnalato la presenza improvvisa di grossi topi dopo l’ingresso di un uomo.

Il proprietario di Verona Pizza ha notato l’ingresso di un uomo che ha chiesto di usare il bagno. Dopo esserne uscito, il proprietario è entrato nella toilette e ha trovato delle impronte sul water e un pannello del soffitto smosso. Sopra questo pannello c’era uno strano sacchetto.
L’uomo si è quindi rivolto a due poliziotti che stavano consumando il proprio pranzo in pizzeria. Dentro il sacchetto c’erano tre topi bianchi.

Non è però la prima volta che un simile episodio accade a Philadelphia.

Uno dei due, il sovrintendente Michael Chitwood, ha registrato un altro caso di presenza di topi anche nel locale Pizza zio Nick. Qui il sospettato aveva gettato un sacchetto con cinque topi vivi in un bidone della spazzatura all’interno dell’edificio. Dei topi morti sono invece stati ritrovati all’interno del locale.
”Si direbbe che questo sia il primo caso di topi usati a sfondo criminale, per fare vero e proprio terrorismo alimentare”.

Il colpevole sarebbe Nikolas Galiatsatos, 47 anni, proprietario di Nina’s Pizzeria Bella, un ristorante a pochi isolati di distanza da Verona Pizza e Pizza zio Nick. L’uomo è stato accusato di cattiva condotta e violenza e crudeltà verso animali.
Chitwood sostiene che Galiatsatos abbia messo in pratica una vendetta contro i suoi concorrenti a cui attribuiva i reali problemi di topi della sua pizzeria. “Crediamo che volesse mettere fuorigioco le pizzerie concorrenti della zona”.


Nello stesso giorno il negozio di animali del quartiere ha registrato una vendita di quello stesso tipo di topi, poi consegnati ai funzionari di polizia.

 

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 29-10-2014

Emanuela Bertolone

X