Mamme in piazza, è la Settimana mondiale dell’ allattamento materno

Fino al 7 ottobre si celebra la Settimana mondiale dell’allattamento materno: l’importanza del latte al seno per il corretto sviluppo di ogni bambino

chiudi

Caricamento Player...

Da ieri e fino al prossimo 7 ottobre si celebra la Settimana mondiale dell’allattamento materno, promossa da Organizzazione Mondiale della Sanità, Unicef ed associazioni mediche di tutto il mondo. Tantissime le città italiane che hanno aderito alla campagna promossa per testimoniare l’importanza dell’allattamento materno per il corretto sviluppo del  nascituro. Le manifestazioni, diverse da città a città, prevedono seminari, consultori, dibattiti e approfondimenti sull’allattamento e coinvolgono milioni di mamme.

Punto  centrale della settimana, il  flash-mob indetto per le  16.30 di  sabato 4 ottobre nelle  principali piazze italiane. Tutte le mamme sono chiamate a raccolta: unica condizione quella di indossare una maglietta bianca, per poi allattare tutte insieme i neonati. In piazza, assieme a donne e bambini, anche le ostetriche dei Consultori familiari e dei punti nascita, i referenti dei Centri per le Famiglie, tantissimi volontari delle associazioni di sostegno alla  maternità. Tutti uniti da una battaglia comune:  informare, tutelare, promuovere e difendere l’allattamento al  seno.

Il latte materno riveste fondamentale importanza nella promozione della salute fisica e psichica dei bimbi. Tutti i dati in possesso delle organizzazioni mediche e scientifiche, tutte le ricerche effettuate sull’argomento lo  hanno confermato: i bambini nutriti con sostituti del latte della mamma si ammalano e muoiono in percentuali maggiori rispetto a quelli allattati al seno, dati che accomunano – una volta tanto –  paesi ricchi e paesi poveri,  realtà rurali ed industrializzate.

Proprio per questo motivo l’OMS, l’Organizzazione mondiale della Sanità, raccomanda da sempre di nutrire i bambini esclusivamente con latte materno per i primi sei mesi di vita e di continuare ad allattare fino almeno ai due anni di vita, o comunque a richiesta  del piccolo, affiancando cibi semisolidi e via via più solidi in misura  graduale.

Ecco perché è opportuno scendere in piazza per ribadire a chiare lettere l’importanza dell’assunzione di latte dal seno materno. Il latte fornisce tutti i nutrienti di cui ha bisogno un  neonato nella prima fase della sua vita: acidi grassi polinsaturi, proteine e ferro. Contiene, inoltre, sostanze bioattive e immunologiche che non si trovano nei sostituti. I famosi anticorpi sono contenuti proprio nel latte che la mamma dà al suo bambino, uno dei tanti motivi per partecipare alla  Settimana mondiale dell’allattamento materno.