Mamma lavoratrice esempio per la figlia: farà più carriera

Se si cresce con una mamma lavoratrice si è più propense a riuscire bene nel lavoro e a fare carriera

chiudi

Caricamento Player...

Lo conferma uno studio della Harvard Business School: le figlie cresciute con una mamma lavoratrice, avranno più facilità a fare carriera. Quindi non fatevi strane paranoie se siete spesso a lavoro e non potete dedicare troppo tempo ai figli, per loro, nei limiti del normale, è un bene. Scegliere di lavorare e fare la mamma non è sempre facile, ma spesso è una scelta obbligata e, a malincuore si rinuncia a passare la maggior parte del tempo con i bambini. Il risultato della ricerca, farà però rallegrare ogni mamma lavoratrice, perchè le loro figlio hanno più probabilità di avere una carriera brillante, guadagnare bene e avere una situazione di parità economica con il futuro partner.

Secondo lo studio, le figlie femmine traggono molti benefici dall’esempio positivo della mamma lavoratrice: in media le figlie di mamme al lavoro guadagnano il 4% in più delle figlie di mamme casalinghe e sono più brave a socializzare e adattarsi a diverse situazioni. Inoltre hanno più possibilità di fare carriera battendo la concorrenza. Il vantaggio però, non è solo per le figlie femmine, ma anche per i figli maschi, che in futuro saranno più propensi a rispettare il lavoro delle donne e sapranno essere più attivi in famiglia nel prendersi cura dei figli e della casa.

Per le mamme lavoratrici, in ogni caso, i sensi di colpa per non riuscire a gestire al meglio lavoro e famiglia rimangono e in Italia, purtroppo non è facile essere sostenute da strumenti pubblici che diano una mano alle mamme in carriera.  Si stanno facendo passi avanti per agevolare la vita delle mamme in carriera, specialmente nelle aziende private, ma la strada da fare è ancora lunga. In Italia, ben il 37% delle famiglie e monoreddito, perchè solo 4 mamme su 10, dopo aver interrotto la carriera lavorativa per badare ai figli, riprendono a lavorare. L’occupazione femminile è del 46,8% rispetto a quella maschile che è del 64,6 %. Sono ancora troppe le donne costrette a rinunciare alla carriera per mettere su famiglia.