Mal d’auto: come prevenirlo e affrontarlo con i consigli della nonna

I migliori rimedi della nonna contro il mal d’auto: oli essenziali ed erbe aromatiche.

chiudi

Caricamento Player...

L’auto rimane il mezzo più comodo per spostarsi durante le vacanze o un viaggio breve potendosi portare con sè tutto il necessario. Molte persone, però, soprattutto i bambini soffrono del mal d’auto e può diventare difficile affrontare un viaggio lungo o di poche ore. In farmacia si possono trovare delle comode soluzioni per attenuare questo fastidio, ma ci sono anche delle soluzioni casalinghi molto più economiche ed efficaci ugualmente. Ecco alcune proposte contro il mal d’auto a base di prodotti naturali e a prezzi bassissimi.

RIMEDI CONTRO IL MAL DAUTO
RIMEDI NATURALI CONTRO IL MAL DAUTO

Dire addio al mal d’auto con dei rimedi fai da te a prezzi low cost ed efficaci sin da subito.

La prima cosa da fare quando si parte per un viaggio in macchia è quello di moderare il pasto precedente alla partenza. Si raccomando di mangiare qualcosa di leggero come della frutta o del pane bianco o dei grissini. Evitare pasta o pietanze pesanti perché sono più difficili da digerire. Non partire senza aver mangiato nulla, altrimenti si rischia la nausea a causa dello stomaco vuoto. Se soffrite tanto la nausea in auto masticate dei pezzi di zenzero candito prima e durante il viaggio. Vi aiuterà ad attenuare il senso di nausea. In alternativa preparate un infuso allo zenzero con foglie di menta da sorseggiare ogni tanto.

Se durante il viaggio iniziate ad avvertire nausea, vertigine e mal di testa preparate un fazzoletto profumato o un sacchettino con foglie di menta. Versate su un fazzoletto cinque gocce di olio essenziale di menta, di limone o di eucalipto e annusatelo ogni tanto. L’odore inebriante vi farà sentire meglio e più positivi. Si raccomanda di non sedersi mai dietro, ma davanti accanto al guidatore. In questo modo avrete una migliore visuale e avvertirete meglio le curve e gli scossoni dell’auto. Infine, fermatevi ogni mezz’ora o tre quarti d’ora circa per respirare aria pulita e ossigenare il cervello.