Mai saltare la pausa pranzo!

Molto spesso si pensa che saltare la pausa pranzo e lavorare anziché mangiare sia un modo di fare la dieta. Nulla di più sbagliato!

chiudi

Caricamento Player...

“Oggi non faccio pausa pranzo”. Accade per lo più d’estate e ci sembra il modo giusto per mantenersi leggeri, anche in vista della prova costume.

Al contrario, saltare i pasti fa venire la pancetta. A dirlo è una ricerca della Ohio State Univesity pubblicata sulla rivista Journal of Nutritional Biochemistry.

Gli scienziati hanno assicurato che quando si rinuncia a un pasto, in questo caso il pranzo, si attivano dei processi metabolici che localizzano il grasso proprio li, sulla pancia.

Secondo gli esperti è preferibile sgranocchiare qualcosa per tutto il giorno, che non saltare la pausa pranzo.

Per dirla con le parole di Martha Belury, docente di nutrizione umana presso la Ohio State University e autrice dello studio, “se si vogliono diminuire le calorie meglio non saltare i pasti perché ciò provoca grandi fluttuazioni di insulina e glucosio nell’organismo e potrebbe tradursi in un guadagno anziché una perdita di peso”.

Appurato, dunque, che non mangiare fa venire la pancia, è bene sapere che esistono alimenti che possono favorire la nostra produttività sul lavoro.

Sarà utile optare per questi cibi:

Uova: la colina in esse contenuta stimola il sistema nervoso migliorando la velocità di reazione.

Cereali (riso, pane, pasta integrale): Contengono vitamine e magnesio, indispensabile nutrimento delle facoltà intellettive.

Salmone: è noto per essere una fonte di omega 3, proteine, ferro e vitamine B. Il suo supporto va tutto sulla memoria.

Ribes: sono ricchi di antiossidanti che migliorano la memoria e stimolano la coordinazione. Non è facile trovarli in pausa pranzo, ma si possono portare da casa!

Noci e avocado: aggiungerli all’insalata donerà sapore e aiuterà il cervello a lavorare.

Il verde: tutte le verdure verdi supportano l’organismo di sali minerali, ferro e vitamine, che danno ossigeno al cervello.

Non saltate la pausa pranzo, ma usatela a vostro favore!