Lunga vita alla Regina Elisabetta: ma cosa succederà quando morirà?

A settembre la Regina Elisabetta sarà la regnante più longeva della storia della Gran Bretagna, e già si iniziano a calcolare i danni all’economia inglese che deriveranno dalla sua morte.

Un nuovo interrogativo sulla famiglia reale sta conquistando la stampa inglese: quali saranno gli effetti sull’economia della morte della Regina Elisabetta?

A settembre, infatti, la Regina Elisabetta sarà ufficialmente la regnante più longeva nella storia della Gran Bretagna, primato che fino ad oggi era stato conquistato dalla Regina Vittoria.

Leggi anche: E’ Elisabetta la regina più anziana del Mondo

Negli ultimi giorni il gossip aveva supposto una possibile abdicazione al trono, ma la Regina Elisabetta non ha nessuna intenzione di lasciare il suo trono e, cosa più importante, gode di ottima salute.

Intanto la stampa inglese inizia a calcolare il danno economico che deriverebbe dalla scomparsa della Regina Elisabetta: Rob Price su Business Insider  ha stimato una perdita di miliardi di sterline prendendo in esame una serie di manovre straordinarie che sarebbero necessarie per il nuovo corso della monarchia.

Anche a Buckingham Palace tutto è stato già definito per i funerali della Regina Elisabetta e i dettagli son contenuti nel fascicolo The Bridge.

Con la morte della Regina Elisabetta, i principali canali di informazione modificheranno la loro programmazione, aumentando costi e spese, commedie e show saranno sospesi riportando un danno gravissimo sul fatturato pubblicitario.

Il lutto nazionale durerà 12 giorni, due giorni di vacanza per i funerali e per l’incoronazione del nuovo regnante costerebbero miliardi di sterline di Pil e la Borsa chiuderebbe i battenti per almeno tre giorni.

Inoltre, con il cambio di regnante, dovranno essere aggiornate tutte le banconote, le monete e i francobolli che attualmente raffigurano la Regina Elisabetta.

Cambierà la sigla EIIR, Elisabetta II Regina, presente anche sugli elmetti degli storici “bobby”, i poliziotti londinesi. Sarà modificato l’Inno nazionale, da “God Save the Queen” a “God Save the King” e, in ultimo, cambierà persino Trafalgar Square. Il quarto plinto infatti, rimasto vuoto da oltre 150 anni ed occupato occasionalmente da opere d’arte ed iniziative temporanee, è destinato proprio alla Regina Elisabetta, una volta che questi passerà a miglior vita.

Il volto dell’intera Gran Bretagna quindi cambierà con la scomparsa della Regina Elisabetta, e chissà che non avrà le sembianze di William e Kate, acclamati prossimi reali da tutta la Gran Bretagna.

Leggi anche: Kate Middleton sul set di Downtown Abbey

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy

ultimo aggiornamento: 10-03-2015

Lorenza Marotti

X