Ludmilla Radchenko racconta la sua vita: “Non chiamatemi ex letterina!”

Ludmilla Radchenko, moglie della iena Matteo Viviani, è oggi un’artista a tutto tondo che non ama essere ricordata solo come una ex letterina.

chiudi

Caricamento Player...

In molti la ricorderanno come una delle letterine di Passaparola più belle insieme a Silvia Toffanin o Ilary Blasi. Eppure Ludmilla Radchenko, pur non rinnegando il suo passato, non ama essere etichettata solo in quel contesto. Sposata con l’inviato de Le Iene Matteo Viviani, con il quale ha avuto due figli, Ludmilla è oggi un’artista completa che dipinge, lavora nel campo della moda e si mantiene da sola. Ha raccontato la sua vita in un’intervista concessa a Vanity Fair.

Ludmilla Radchenko: “Mi mantengo da sola, senza chiedere aiuto a nessuno!”

Ludmilla Radchenko
FONTE FOTO: instagram.com/ludmillaradchenko

Ludmilla appare più sicura che mai nel parlare di sé: “Dopo 18 anni, i giornalisti mi definiscono ancora un’ex Letterina. Non ne posso più. Sia chiaro, non rinnego il mio passato, ma ormai dal 2008 la mia vita professionale è totalmente incentrata sull’arte. Dipingo, disegno e realizzo capsule collection. E con queste attività mi mantengo senza chiedere aiuto a nessuno. Non sono una mantenuta né una donna in cerca di soldi come mi hanno descritta alcuni”.

La Radchenko ha poi parlato del parto di Nikita, il maschietto nato lo scorso 26 maggio dopo un lungo travaglio: “La premessa è che, a causa di problemi di dilatazione del collo dell’utero, con Eva avevo dovuto ricorrere al parto cesareo. Con Nikita speravo invece in un parto naturale. E invece… Intanto le contrazioni sono durate 48 ore, ma solo il secondo giorno sono diventate regolari. E poi, come se non bastasse, dopo sette ore di travaglio il collo dell’utero non accennava a dilatarsi. Risultato? Anche Nikita è nato con un parto cesareo”.

Non è mancato anche un accenno al grande amore della sua vita, Matteo Viviani, sposato il 19 maggio 2013: “Ho capito subito che era il grande amore. Ci siamo conosciuti nel 2008 e la nostra storia è iniziata il 31 dicembre di quell’anno. Il matrimonio in sé non so se abbia rafforzato la nostra relazione, ma è innegabile che diventare genitori ci ha uniti ancora di più”. 

FONTE FOTO: instagram.com/ludmillaradchenko