Luciana Littizzetto si schiera contro l’omofobia con il ragazzo aggredito a Torino

“Omofobia Stop” la campagna online del ragazzo aggredito a Torino, sostenuta da Luciana Littizzetto

chiudi

Caricamento Player...

Non è la prima volta che Luciana Littizzetto prende a cuore cause di questo tipo: invita tutti a postare un selfie con un cartello “Omofobia Stop” per sensibilizzare la popolazione sull’argomento.

Leggi anche: Luciana Littizzetto ha donato 5000 euro per l’Ice Bucket Challenge

La campagna sostenuta da Luciana Littizzetto è nata grazie al coraggio di Stefano Sechi, il ragazzo che meno di due mesi fa fu aggredito a Torino al ritorno da un locale. Sull’autobus lui e un suo amico stavano tranquillamente chiacchierando quando, due bulli, sentendo i loro discorsi gli hanno chiesto:”Siete ricchioni?“. Stefano non ha avuto paura di dire sì e uno dei due gli ha tirato un pugno in pieno volto ferendolo al naso e allo zigomo.

La ferita faceva male, ma il cuore di più, così Stefano ha scelto di trasformare questa brutta esperienza in una denuncia nei confronti degli omofobi. Ha cercato visibilità, ha raccontato ai media la sua storia.

Stefano ha poi ottenuto l’attenzione dei politici, scrivendo una lettera a Renzi e aprendo il dibattito. Anche Luciana Littizzetto ha contattato Stefano, invitandolo a partecipare al suo programma radiofonico “La Bomba” su Radio Deejay, per raccontare la sua storia e come si sta muovendo per lottare contro l’omofobia.

“Luciana Littizzetto si è presa a cuore la mia vicenda. Non mi aspettavo così tanta solidarietà: mi ha lasciato spazio per raccontare la mia storia e per dire agli altri ragazzi che rischiano di subire aggressioni che non sono soli. In trasmissione, però, ho dimenticato di incoraggiare chi è vittima di omofobia a denunciare l’accaduto, rivolgendosi alle associazione o alla Gay Help Line, al numero 800713713”

Luciana Littizzetto ha aderito alla campagna online di Stefano, “Omofobia stop”, ideata per la giornata internazionale con l’omofobia e la transfobia, che cade il 17 maggio.

“Invito tutti a postare un selfie mostrando un foglio con la stessa scritta, e a condividerlo sui social con l’hashtag #omofobiastop”

Inoltre l’ 11 Maggio a Torino nel Palazzo della Regione sarà presentata la campagna, finanziata interamente dalla regione Piemonte con un grande evento e con una serie di affissioni in tutto il territorio.

Il Patrocinio è di Sergio Chiamparino:

“E’ stato organizzato tutto in poco tempo: la campagna partirà con una serie di affissioni a tema in tutto il Piemonte, come non è mai stato fatto prima”