L’Orso polare è in pericolo: questa specie rischia di morire di fame

In Canada e in Alaska la vita e la salute dell’orso polare è in pericolo a causa del riscaldamento globale e acidificazione degli oceani

chiudi

Caricamento Player...

In occasione della COP22, la Conferenza sul Clima che si chiude oggi, 18 novembre, a Marrakech, non possiamo fingere che i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale siano un problema che non ci riguarda.

Esempio lampante lo troviamo in Canada e in Alaska: come evidenzia la mostra The Climate Change – In Focus  l’orso polare è in pericolo. Purtroppo riscaldamento globale e acidificazione degli oceani stanno mettendo in pericolo anche la vita degli animali marini e interi ecosistemi.

Siamo di fronte ad uno dei disastri ambientali più gravi dell’ultimo secolo per il nostro Pianeta.

In Alaska in autunno niente neve e ghiaccio

Gli orsi polari in Canada si trovano in una situazione molto grave. Sono costretti a mangiare alghe, delfini e addirittura i propri simili per sopravvivere. Diventano più frequenti i casi di cannibalismo degli orsi maschi adulti verso i cuccioli. La baia di Hudson a Churchill non è più un luogo adatto ad ospitare gli orsi polari perché neve e ghiaccio sono quasi scomparsi.

Nel mese di settembre un gruppo di orsi polari affamati ha raggiunto una stazione di ricerca russa su un’isola sperduta dell’Artico.

Gli orsi in cerca di cibo hanno ucciso uno dei due cani presenti nella stazione e hanno rotto le finestre. Questa situazione fa comprendere quanto gli orsi siano in pericolo e quanto rischino di rimanere senza cibo e dunque di scomparire. Gli orsi polari sono una specie protetta ma non si sta facendo abbastanza per proteggerli dai cambiamenti climatici.

La presenza degli orsi è diminuita del 22% circa negli ultimi 30 anni e si stima che a Churchill ne vivano dai 900 ai 1.200. Tuttavia il periodo di formazione del ghiaccio si riduce di 10 giorni ogni 10 anni, e secondo i ricercatori gli orsi polari sono già in declino. Le previsioni più pessimistiche li danno già per scomparsi infatti nel 2050.

Fonte Immagine: Pixabay