Lorella Cuccarini si racconta a Domenica In e parla anche di Heather Parisi

Lorella Cuccarini si è raccontata a Domenica In, parlando dell’emozione di ballare a 13 anni per Raffaella Carrà e del programma condotto con Heater Parisi.

chiudi

Caricamento Player...

Ospite di Pippo Baudo a Domenica In, Lorella Cuccarini ha raccontato alcuni momenti importanti della sua vita di showgirl e ballerina, soffermandosi su due attacchi di orticaria subiti e dovuti dall’emozione. Non sono mancate anche delle frecciatine rivolte a Heather Parisi per la trasmissione Nemicamatissima, per la quale continuano gli strascichi e le polemiche.

Lorella Cuccarini: “Ho preso l’orticaria per Raffaella Carrà!”

Lorella Cuccarini
FONTE FOTO: facebook.com/lorellacuccariniofficial

Lorella ha raccontato dell’emozione di incontrare due dei suoi grandi miti: “A 13 anni, ho fatto la ballerina per Raffaella Carrà, nel programma ‘Ma che sera’. Tornai a casa e per la grandissima emozione di incontrare Raffaella, che per me era un personaggio irraggiungibile, mi è preso un attacco di orticaria. Mi sono riempita di bolle. Mi è successo due volte nella vita. Una volta con Raffaella e una volta con Dodi dei Pooh. Ero innamorata di Dodi Battaglia. Lo andai a trovare anche a un suo concerto. Grazie a un programma che facemmo insieme, ebbi l’opportunità di cantare una canzone con loro e io non riuscivo a crederci”.

La Cuccarini ha anche parlato dell’importanza che la danza ha avuto nella sua vita, salvandola probabilmente: “All’epoca al Prenestino, oltre alle nostre case, c’è la campagna. Una volta si viveva molto per strada. Probabilmente, se non ci fosse stata la palestra, quel sudore, quella voglia, quel sogno che avevo, su quella strada potevo fare una brutta fine come altri miei coetanei”.

Non è mancato anche un messaggio per Heather Parisi, protagonista di Nemicamatissima con lei: ““Io sono rimasta ferma all’abbraccio che ci siamo date alla fine del programma. Pensavo che fosse finito tutto lì, con un po’ di difficoltà. Sì, il rapporto è stato un pochino difficile, un po’ faticoso. Nel montaggio finale, in effetti, si sono sentiti alcuni tagli, perché sono cambiati i blocchi, però era un problema tecnico, non di contenuti. Lo squilibrio tra la mia presenza e quella di Heather c’era dall’inizio, perché è stata una sua scelta. Cosa auguro a Heather per Natale? Di fare pace con se stessa. E’ una donna molto fragile, le sono stata vicina. E’ una donna che va trattata con cura, diciamo”.