L’obesità espone le donne e i bambini al rischio cancro: ecco l’allarme lanciato da OMS

L’obesità riguarda due adulti su tre e la metà dei bambini. OMS lancia l’allarme cancro e invita a sana alimentazione e attività sportiva

chiudi

Caricamento Player...

 Il 47% degli italiani si è messo a dieta in vista delle tanto attese vacanze estive e della tanto temuta prova costume. Ma Coldiretti lancia l’allarme: 18 milioni di italiani sono in sovrappeso, e 5 milioni, soffrono di obesità.

Condizione questa, di vero pericolo per la salute delle donne. L’obesità “rosa”, infatti, causa una probabilità pari al 40 per cento in più, rispetto a chi è in linea, di sviluppare uno dei vari tipi di cancro collegati ai chili di troppo.

Ed è proprio l’obesità femminile a finire nel mirino dell’istituto britannico Cancer Research UK.

“L’obesità aumenta il rischio di ben sette differenti tumori- avvisano gli studiosi anglosassoni – in particolare, quelli a esofago, seno, cistifellea, pancreas, reni, intestino e utero. I modi in cui questo avviene sono diversi e un ruolo importante è giocato dalle modificazioni dell’assetto ormonale indotte dall’obesità che favoriscono la trasformazione neoplastica delle cellule”.

Non consolano, dunque, le statistiche sulla popolazione italiana: 2 adulti su 3 e la metà dei bimbi sono in sovrappeso.

Ma è proprio l’Italia, culla della dieta mediterranea, a offrire il primo rimedio contro l’obesità: una sana alimentazione e una costante attività fisica.

Da sempre gli esperti dichiarano che le cattive abitudini alimentari e la sedentarietà modificano il metabolismo dell’organismo e il normale funzionamento di ormoni e geni, influenzando la regolare attività delle nostre cellule che possono così finire per trasformarsi in cancerose. Ciò nonostante, l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che a livello globale circa 3,4 milioni di adulti muoiono ogni anno a causa dell’obesità. Quest’ultima, sempre secondo l’OMS, provoca il 44 per cento dei casi di diabete, il 23 per cento delle malattie ischemiche del cuore e fino al 41 per cento di alcune forme tumorali.