Lina Sastri la carriera

Scopriamo insieme la carriera di Lina Sastri, attrice e cantante napoletana che ha ottenuto diversi e importanti riconoscimenti.

chiudi

Caricamento Player...

Nata a Napoli nel 1953, Lina Sastri sin dalla primissima infanzia comprende di voler fare l’attrice e la cantante. I genitori la costringono però a studiare e così, dopo aver ottenuto la maturità classica, Lina fugge di casa per poter seguire la sua passione. Ha frequentato così i teatrini di Napoli e la Nuova Compagnia di Canto popolare, i fratelli De Filippo, ma il suo esordio arriva con la cooperativa Teatro Libero in scena con Masaniello di Armando Pugliese nel 1974.Ottiene buoni consensi sia di pubblico che di critica, cimentandosi sia come attrice che come cantante. Avviene così il salto di qualità che la porta a far parte della Compagnia del Piccolo Eliseo, diretta da Giuseppe Patroni Griffi. Si distingue in spettacoli come “Le lacrime amare di Petra von Kant” di Rainer Werner Fassbinder, “Sei personaggi in cerca d’autore” di Luigi Pirandello o “Eden Teatro” di Raffaele Viviani.

Lina Sastri e l’esordio al cinema

Gli esordi al cinema non sono ugualmente eccezionali, visto che, in primis, deve accontentarsi di piccoli ruoli come in “Ecce Bombo”(1977), di Nanni Moretti, o “Café Express”(1980) di Nanni Loy. Il primo ruolo da protagonista arriva finalmente con il film “Mi manda Picone”(1983), sempre di Nanni Loy, per il quale ottiene un David di Donatello e un Nastro d’argento come miglior attrice. L’anno dopo recita in “Segreti, Segreti” di Giuseppe Bertolucci e riceve anche per questo film il David. Nel 1986 recita nel film “L’inchiesta”(1986) di Damiano Damiani, per il quale vince un altro David di Donatello come miglior attrice non protagonista.

Lina Sastri e l’amore per la musica

Dagli anni ’90, le sue apparizioni al cinema si riducono per fare spazio al suo altro grande amore: la musica (incidendo album per lo più in napoletano) e poi il teatro. Ricordiamo tre suoi spettacoli di grande successo come: “E torna maggio”(1989), “Maruzzella”(1990) e “Lina rossa”(1993). Nel 2002 ha tenuto un concerto a Yokoama, da cui è nato l’album “Live in Japan” che contiene anche una canzone cantata in giapponese. Nel giugno 2011 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano le ha conferito il titolo di Commendatore al merito. Attualmente, Lina Sastri fa parte del cast di “Il bello delle donne… alcuni anni dopo”.

FONTE FOTO: facebook.com/Lina-Sastri