Gabriella Germani: le imitazioni che l’hanno resa famosa

I 1000 volti di Gabriella Germani, attrice, comica e imitatrice di successo che con le sue imitazioni conquista in tv e al teatro.

chiudi

Caricamento Player...

Una delle sue ultime parodie, quella del sindaco di Roma Virginia Raggi, rimarrà a lungo impressa nella mente dei telespettatori, ma questa è solo uno dei personaggi interpretati con successo da Gabriella Germani, un’artista poliedrica capace di regalare al suo pubblico imitazioni straordinarie, portate in scena sempre con grande credibilità.

E’ protagonista di gag geniali, sia in tv che in teatro, strappa sorrisi e risate ad ogni sua esibizione e conferma ogni volta quanto grande sia il suo talento.

Le prime imitazioni e il consenso del pubblico

Il suo debutto in televisione risale al 2001 ed è proprio in quell’occasione che Gabriella Germani conosce la popolarità: nel programma “Saloon” veste per la prima volta i panni di Daria Bignardi e l’entusiasmo del pubblico non tarda ad arrivare.

Poi l’abbiamo vista impersonare Mara Carfagna, Barbara Palombelli e Serena Dandini nel programma “Artù” e anche in questo è arrivata una pioggia di consensi.

Tra i personaggi più apprezzati ci sono anche Monica Setta e la centralinista Bice Valori, e come dimenticare le memorabili parodie di Simona Ventura, Manuela Arcuri e Alessandra Mussolini: hanno sicuramente dato un’ulteriore spinta alla sua già brillante carriera.

Le imitazioni più famose

A consacrarla agli occhi del grande pubblico ci hanno pensato le imitazioni di 4 grandi donne del mondo dello spettacolo: Asia Argento, Valeria Marini, Mara Venier e Monica Bellucci.

Negli ultimi anni si è divertita anche a prendere di mira le donne della politica italiana. Nel 2015 per la “Giornata Internazionale della donna” è stata ospite della Presidente della Camera Laura Boldrini presso la Camera dei Deputati è ha regalato ai presenti un divertente show di satira politica, mentre la sua imitazione di Virginia Raggi a “Edicola Fiore” è ormai leggendaria.

Fonte foto di copertina: https://www.facebook.com/gabriellagermaniweb/