Le controindicazioni della dieta molecolare

Tutte le informazioni sulla nuova dieta e le possibili controindicazioni

chiudi

Caricamento Player...

La novità in campo di diete è offerta dalla dieta molecolare. Il principio su cui si basa è il sistema di combinazione delle molecole che costituiscono i cibi e gli alimenti della nostra tavola, evitanto il conteggio delle calorie. Nonostante i molti benefici non sono da escludere delle possibili controindicazioni della dieta.

Le controindicazioni della dieta molecolare

Basata sugli studi del Professore Rossi, la dieta considera la combinazione delle calorie dei cibi per raggiungere il giusto fabbisogno. La diminuzione di alcuni alimenti, la cottura secondo modalità specifiche, l’attività fisica e soprattutto l’azione depurativa iniziale sono alla base della dieta.

Esistono delle possibili controindicazioni, nonostante i molti benefici che stanno notando  coloro che la seguono.

La dieta infatti, presuppone una conoscenza specifica del proprio corpo e degli alimenti. La giusta alimentazione deve privilegiare le molecole di cui abbiamo bisogno e diminuire quelle che dobbiamo eliminare, sottraendo dalla dieta i cibi poco sani. Chi segue la dieta deve conoscere molto bene anche la composizione molecolare dei cibi per ben combinarli.

Non tutti hanno le giuste conoscenze e le giuste capacità e il rischio è quello di sbagliare cibi, dosi e combinazioni.

Il consiglio auspicabile è quello di affidarsi alle mani degli esperti che ci diano i giusti dettami ed indicazioni per conoscere al meglio come preparare e seguire la dieta senza commettere errori.

Libri, video e informazioni possono poi supportare le conoscenze e le indicazioni dei medici e nutrizionisti e non sostituirle.

A differenza delle classiche diete la mancanza del computo delle calorie è certamente un passo avanti; il metodo infatti porta alla conclusione che  alcuni piatti con lo stesso quantitativo calorico abbiano le stesse proprietà senza considerare che si tratta di un semplice computo numerico che non valuta invece la composizione a livello benefico per l’organismo.