Lady Diana, la bulimia e l’autolesionismo a 20 anni dalle rivelazioni

Sono passati 20 anni dall’ intervista a Lady Diana che fece tremare la monarchia inglese con rivelazioni sui suoi disturbi e sul tradimento di Carlo

Era nota come la principessa triste, Lady Diana quando decise di rilasciare un’intervista, che fece la storia della monarchia inglese, alla trasmissione Panorama della BBC; Diana Spencer parlò dei suoi problemi di bulimia, della difficoltà di vivere sotto i riflettori, ma allo stesso tempo non essere ascoltata e aiutata nel momento del bisogno, come la sua depressione post parto. Ci fu spazio anche per parlare della separazione con Carlo, dell’arrivo di Camilla e del desiderio di crescere William e Harry nel miglior modo possibile. La sua non fu un’intervista contro la monarchia e la sua famiglia, ma una chiacchierata di speranza per un futuro migliore, sia per lei sia per Carlo.

La separazione

La separazione con Carlo avvenne dopo anni di litigi continui e dopo il sovraffollamento dovuto all’arrivo di Camilla, amante del principe.

Secondo quanto disse Lady D. fu un sollievo per entrambi poter intraprendere nuove vite senza fingere di amarsi per tenere in piedi un matrimonio che non aveva più senso.

 Abbiamo lottato per andare avanti, ma abbiamo finito con l’esaurirci. In un certo senso, penso possa essere anche un sollievo per entrambi, prendere questa decisione. Mio marito mi ha chiesto di separarci e io l’ho appoggiato. […] Non voglio il divorzio, ma chiaramente bisogna chiarire una situazione che negli ultimi 3 anni è stata solo un’enorme discussione. Tutto ciò che posso dire è che aspetto la decisione di mio marito.

La cosa più difficile per Diana è stata quella di spiegare ai figli il motivo della separazione e perchè non poteva più vivere con il loro padre.

Fu grazie alla sua delicatezza e alla sua dolcezza che riuscì a tranquillizzare William e Harry nonostante l’ondata dei media sulla famiglia reale.

La bulimia e la depressione

Ma la vita di Diana non fu semplice anche per altri motivi, come la depressione post parto dopo la nascita di William, o i problemi di bulimia che ebbe per diversi anni, come a riempire un vuoto d’affetto, per non parlare dell’autolesionismo, non si sentiva all’altezza della sua vita e perciò si puniva.

Quando aspettavo William mi sentivo come se l’intero Paese fosse in attesa con me. […] All’inizio sono stata bene poi ho avuto la depressione post parto. In quella famiglia, ero la prima che aveva la depressione o che piangeva pubblicamente. Ovviamente ciò spaventava, era un atteggiamento che non avevano mai visto prima. Come facevano ad aiutarmi?”

 

Fonte: theoldnow.it
Fonte: theoldnow.it

ultimo aggiornamento: 20-11-2015

Roberta Picco

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X