Fu lui a scoprire Giorgio Armani: tutto su Nino Cerruti e il suo lanificio

Dalla maglieria allo sportswear, uno sguardo dietro le quinte dell’impero di Nino Cerruti

chiudi

Caricamento Player...

Può sembrare strano immaginare un’epoca in cui Giorgio Armani era un perfetto sconosciuto, eppure quell’epoca è esistita. Ed è stato Nino Cerruti ad assumere il giovane Armani presso il suo lanificio, spianandogli la strada. Chi è oggi questo grande stilista?

Gli esordi dell’abbigliamento Cerruti

Nino nasce a Biella il 25 settembre 1930. Eredita l’azienda tessile del padre alla sua morte, quando ha solo vent’anni. Nel 1957 presenta la sua prima linea a Milano, ottenendo un successo mondiale. Il brand di maggiore fama è Nino Cerruti 1881, la cui prima boutique viene aperta a Parigi.

Nino Cerruti
Fonte foto: https://www.facebook.com/Vintagevintage-530961136919378/

Risale al 1978 il primo profumo Nino Cerruti, che prende semplicemente il suo nome, mentre negli anni Ottanta la collezione di moda sportiva del brand fa furore tra tennisti e sciatori.

Dagli anni Novanta a oggi: successi recenti dello stilista

Nel 1994 l’azienda diventa designer ufficiale della Ferrari per la Formula 1. Un successo che aumenta di molto la popolarità del brand, permettendo il lancio di altri profumi come Nino Cerruti Pour Homme e Pour Femme. L’azienda aprirà addirittura negozi in Cina, Hong Kong, Indonesia e Thailandia.

Oggi, però, Cerruti ha venduto il suo brand personale per concentrarsi sul lanificio Cerruti di cui è presidente.

Una maison sul grande schermo

Ma perché l’operato di Cerruti va visto con tanto orgoglio da noi italiani? Uno dei motivi è che il suo lanificio ha vestito molte stelle di Hollywood in film famosi. Tra i più noti ci sono Basic Instinct, Pretty Woman, Philadelphia, Air Force One, Wall Street e Il silenzio degli innocenti.

Le più importanti star che hanno indossato Cerruti sono Michael Douglas, Bruce Willis, Tom Hanks, Harrison Ford e Sharon Stone. Tra gli attori italiani, il grande Marcello Mastroianni.

Fonte foto: https://www.facebook.com/Vintagevintage-530961136919378/