“La storia con Gigi mi faceva paura”: così Anna Tatangelo racconta gli inizi della sua relazione

Hanno vent’anni di differenza, ma la loro storia va a gonfie vele da dieci lunghi anni, anche se Anna Tatangelo ammette che all’inizio è stato difficile.

Le critiche sulla differenza d’età sono piovute subito sulla relazione tra Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio, ma il loro amore è stato più forte. Quando Gigi d’Alessio e Anna Tatangelo si sono innamorati lei aveva solo 18 anni e la differenza era molto pesante, tanto che aveva paura anche a raccontare ai suoi genitori di quell’amore nato in tour in Australia.

Leggi anche: Anna Tatangelo: “Sono una mamma normale e mi piaccio”

Lo racconta la stessa Anna Tatangelo, che ha rilasciato un’intervista al Corriere dove ha deciso di raccontare come è iniziata la sua storia d’amore con Gigi D’Alessio e le difficoltà dovute a tutti i commenti e i pregiudizi che sono arrivati da subito.

“All’inizio, mi sentivo sempre come se, appunto, dovessi dimostrare che ero capace di affrontare la pressione che avevamo addosso all’inizio della storia con Gigi, dimostrare a lui che i vent’anni di differenza non si sentivano, dimostrare che ero abbastanza matura ai miei genitori, ai suoi figli e alla gente che era un rapporto vero. Una lotta continua e come ho sofferto io avrà sofferto lui, ma non ce lo siamo mai detti. Anche lui veniva attaccato. Perfino i miei genitori dei preconcetti li avevano. Vent’anni sono tanti. L’ho conosciuto a un concerto, subito dopo Sanremo. Mio padre mi scortava ovunque e se vedeva un artista mi obbligava a fare una foto con lui, che vergogna. Così è successo anche con Gigi che poi mi ha detto: “Tu sei la ragazza che ha vinto il Festival? Ho una canzone che ti vorrei far ascoltare”. Era “Un nuovo bacio” ma anche se è stato un grande successo, poi avevamo perso i contatti. Ci siamo rivisti dopo un anno e Gigi ha detto a mio padre che mi voleva produrre. A me stava antipatico. Ma nel 2005, dopo “Ragazza di periferia”, siamo partiti per un tour in Australia. E ho iniziato a vederlo con occhi diversi. Facevamo delle lunghe chiacchierate e abbiamo scoperto che l’antipatia nascondeva una simpatia. Ho pensato: oddio, cosa abbiamo fatto. Mi spaventava l’idea di dirlo a mio padre. Gigi è stato un signore, è andato subito a parlare ai miei. Ma non sono stati anni facili. Lui continuava a ribadire pubblicamente che era separato da anni, ma nessuno sembrava prendere nota. Ho saputo, ma solo di recente, che c’e stato anche chi è andato al banco del mercato dove lavorano i miei, facendo commenti poco carini su di me. La mia rivincita è stata Andrea.”

[wooslider slider_type=”attachments” limit=”20”]

Fonte: Profilo Instagram Anna Tatangelo

Anna Tatangelo ha anche raccontato cosa è stato e cosa è per lei essere mamma di Andrea. Inoltre ha detto che crisi vere e proprie tra lei e Gigi non ci sono mai state, al massimo qualche litigio nei primi anni di vita di Andrea per decidere come allevarlo.

“Andrea è stato fortemente voluto, anche se avevo 22 anni. Mi sento ripetere: “Potevi divertirti un po’ di più”. Ma questa sono io. Se i miei mi avessero lasciata andare in discoteca a 14 anni, oggi sarei un’altra Anna: penserei ad andare in vacanza con le amiche. Sento di aver mancato dei passaggi, ma sono in tempo per recuperare e se voglio andare a ballare, ci posso andare con mio figlio. Mi piace essere una mamma giovane. Appena è nato mio figlio mia mamma, una donna super pratica, si è messa a disposizione. Stavo cambiandogli per la prima volta il pannolino, lei mi ha spostato e mi ha detto: faccio io. Ricordo ancora la scena. L’ho guardata e le ho risposto: “No, adesso la mamma inizio a farla io”. Nei primi anni di vita di Andrea, la maggior parte delle nostre litigate sono state per lui. Ora ha capito che con il bambino comando io. All’inizio Gigi cercava di compensare il tempo in cui stava fuori viziandolo. Per me non esiste. E se quel giorno sai che c’è la recita di tuo figlio, ti organizzi, ma non manchi. Su queste cose divento una belva. Io mi sono totalmente dedicata a lui, alla nostra casa, al nostro rapporto. Poi serve pazienza, una volta abbozzi tu, una volta abbozzo io. Le crisi ci sono ed è normale. Ma bisogna affrontarle. Capita di aver paura che la storia sia verso la fine. Io e Gigi abbiamo anche scritto una canzone che si intitola “Lo so che finirà”, in cui immaginavamo il giorno in cui ci saremmo lasciati. Quando uno è innamorato ha paura. Esistono periodi in cui ti senti più distante. Un aiuto è non stare troppo insieme. Se fossimo vicini ogni minuto, magari ci stancheremmo. Non me ne sono mai andata di casa e non ho tirato piatti, come hanno scritto. Magari litighiamo e non ci parliamo per due giorni. Prima anche per una settimana. Ultimamente dopo cinque minuti di litigio dico: basta. Sono cambiata.”

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy

ultimo aggiornamento: 20-03-2015

Roberta Picco

X