La folle moda delle scottature come tattoo: impazza la Sunburn art

La Sunburn art spopola sulle spiagge, ma i rischi sono moltissimi e si può provocare un melanoma

chiudi

Caricamento Player...

Arriva direttamente dall’America: si chiama Sunburn art ed è la moda che permette di creare tatuaggi non permanenti, tramite le scottature.

Leggi anche: Abbronzatura sì, ma senza rischi per la salute

La Sun Burna art, è una moda pericolosamente semplice, che purtroppo ha già conquistato molte spiagge oltreoceano e sta arrivando fino a noi tramite le foto delle folli creazioni.

Per ottenere un tattoo con la Sunburn art, infatti, è molto facile: basta creare un disegno o una scritta sulla pelle utilizzando la crema protettiva con un fattore SPF alto, senza spalmare il prodotto in altre zone del corpo, e poi esporsi al sole. Quando il resto della pelle sarà bruciato e arrossato, il disegno creato con la crema sarà rimasto bianco, come un tatuaggio sulla pelle.

A causa di questa moda della Sunburn art, le persone tendono a non proteggere correttamente il resto del corpo rischiando il melanoma e altre malattie della pelle.

sunburn art Mirror
Fonte: Mirror

Vedendo spopolare la moda dei Sunburn art, è intervenuta anche la Skin Cancer Foundation con un comunicato:

“E’ consigliato di evitare le scottature a tutti i costi. Una scottatura non è solo dolorosa, è pericolosa, e ha conseguenze gravi. Le scottature causano un danno al dna della pelle, accelerano l’invecchiamento e aumentano il rischio di cancro. Bastano cinque o più scottature per aumentare il rischio di melanoma dell’80%. La Skin Cancer Foundation raccomanda di adottare un regime di protezione completa, che preveda, oltre all’uso di creme solari, di mettersi all’ombra nelle ore più calde, coprirsi con vestiti e usare occhiali da sole che bloccano i raggi ultravioletti”.

Molto meglio, affidarsi agli intramontabili tatuaggi con l’hennè, oppure ai golden tattoo che spopolano quest’anno: sono bellissimi e senza controindicazioni rischiose per la salute.

Fonte foto: Huffington Post UK