La carriera di Ferzan Ozpetek

Il regista e i suoi grandi successi

chiudi

Caricamento Player...

Il 2 marzo esce nei cinema italiani l’ultima fatica di Ferzan Ozpetek; come in molti successi del regista è l’amore al centro di un film che preannuncia essere l’ennesimo colpo da maestro di un artista che riesce nei suoi film a creare storie e personaggi con sensibilità e intelligenza.

Noi vi sveliamo tutto sulla sua carriera.

La carriera di Ferzan Ozpetek

Originario di Instambul si avvicina all’Italia nel periodo universitario quando decide di studiare Storia del cinema alla Sapienza di Roma; qui nasce il legame con il nostro paese.

Inizia a lavorare a teatro per poi concentrarsi sul cinema. L’esordio avviene nel 1997 con il film Il bagno turco (Hamam), il legame con la sua terra d’origine non smette di influenzarlo, così come avviene con il suo ultimo lavoro.

Anche la scelta degli interpreti è sempre figlia di un attento studio e di un’indagine accurata sul carattere e sull’idea dietro al personaggio a cui vuole dare vita.

Tantissimi i riconoscimenti ottenuti per premiare regia e sceneggiatura dei suoi capolavori, film che riescono a rompere gli schemi ad assumere sempre un occhio inconsueto e punti di vista nuovi sulla nostra società e su come cambia avendo sempre l’amore e i sentimenti come filone portante.

Regista e sceneggiatore

  • Il bagno turco (1997)
  • Harem Suare (1999)
  • Le fate ignoranti (2001)
  • La finestra di fronte (2003)
  • Cuore sacro (2004)
  • Saturno contro (2007)
  • Un giorno perfetto (2008)
  • Mine vaganti (2010)
  • Magnifica presenza (2012)
  • Allacciate le cinture (2014)
  • Rosso Istanbul (2017)

Romanzi

Anche la scrittura nella carriera del regista:

  • Rosso Istanbul, Mondadori, 2013,
  • Sei la mia vita, Mondadori, 2015.

Non resta che attendere a marzo l’uscita del nuovo film di cui sono in circolazione già i trailer che svelano una trama interessantissima. Sui social del regista e sulla fan page di Facebook è anche possibile visualizzare alcune immagini tratte dalla recente fatica del regista.