La carriera di Marcello Masi

Dall’università alla televisione

chiudi

Caricamento Player...

Sarà lui il nuovo volto di Linea Verde, nel doppio appuntamento trasmesso il sabato e la domenica dall’1 ottobre 2016. Ma nel mondo della televisione in generale, non è certo un novellino. La carriera di Marcello Masi spazia infatti dal giornalismo finanziario a quello parlamentare, fino a toccare il settore enogastronomico di cui è appassionato. Ripercorriamola quindi dagli esordi ai giorni nostri.

Una carriera tutta sul 2

Nato a Roma nel 1959, Marcello Masi si laurea in Scienze Politiche con una tesi in storia contemporanea. Entra in Rai nel 1987 e due anni dopo si occupa di economia sul Giornale Radio Rai della Mezzanotte. Nel 1992 viene chiamato al Gr Rai da Livio Zanetti, per poi passare al TG2 sotto la direzione di Clemente Mimun. Dopo un periodo come vicedirettore di Televideo Rai, diventa vicedirettore proprio del TG2 sia sotto Mauro Mazza che sotto Mario Orfeo. Nel frattempo, è responsabile delle rubriche Eat Parade e Alter Eco. Inoltre, cura per quattro anni TG2 Dossier e TG2 Dossier Storie.

La carriera di Marcello Masi nell’enogastronomia

La positività di Marcello Masi è palese dal taglio editoriale della più recente rubrica da lui ideata. Si tratta di Tutto il bello che c’è, risalente al 2015: uno spazio dedicato esclusivamente alle notizie positive che purtroppo i TG spesso non affrontano. E per giunta, sotto suggerimento di un bambino del pubblico che scrive al presidente della Rai. Ma il grande amore del giornalista è appunto l’enogastronomia. Dopo la sua partecipazione a I signori del vino insieme a Rocco Tolfa, non ci si può che aspettare grande competenza da parte sua. Soprattutto, grande attenzione all’importanza dell’esportazione e della qualità dei prodotti. Sotto accusa i cambiamenti climatici, le sostanze chimiche e l’inquinamento, che mettono a rischio l’agricoltura genuina e la biodiversità che caratterizza il territorio italiano.

Fonte foto copertina: Twitter