La carriera di Manuela Zero

Lo straordinario percorso della showgirl partenopea

chiudi

Caricamento Player...

Dal quasi anonimato al successo televisivo: questa la storia di Manuela Zero. Un’attrice che si diletta nel teatro già da tempo, con produzioni quali A chorus line e Una serata con Gigi Proietti (diretta dall’omonimo attore). Scoperta da Raffaella Carrà attraverso il talent Forte, Forte, Forte, nel giro di un anno Manuela è diventata una vera e propria soubrette. Sa ballare, cantare, recitare e imitare. Sarà per questo che Pippo Baudo l’ha voluta al suo fianco a Domenica In. Vale la pena quindi soffermarsi di più sulla carriera di Manuela Zero, showgirl dal talento poliedrico e strabiliante.

Gli esordi nel mondo dello spettacolo

Nata a Piano di Sorrento, la ventisettenne ha frequentato il Conservatorio e si è diplomata in danza presso la scuola del Teatro San Carlo di Napoli. A Cannes, ha frequentato stage di recitazione, danza e canto. Dopo una produttiva carriera teatrale, ha deciso di provare a sfondare sul piccolo schermo. Ha avuto piccoli ruoli in Romanzo criminale, Un posto al sole e Don Matteo, ed è stata ingaggiata dal Bagaglino come imitatrice. Ma come è stato anticipato, è grazie a Forte, Forte, Forte che la sua fama è esplosa.

La carriera di Manuela Zero: dal talent alla conduzione

Manuela si è presentata alle audizioni con un medley di Shut Me Down e Sweet Dreams, stregando la Carrà. In seguito, si è esibita con un pezzo di Britney Spears e con Jai Ho, che ha cantato vestita come la protagonista di Kill Bill. Arrivata in finale grazie al televoto, ha poi perso contro Stefano Simmaco. Ma a cosa ha portato questa partecipazione? A molte cose: un ruolo ne Il Professor Cenerentolo di Pieraccioni, e la co-conduzione dell’attuale edizione di Domenica In. Manuela si occupa infatti della sezione musicale, come è giusto che sia.

Fonte foto copertina: Facebook