La carriera di Alessandro Onnis

Dai villaggi turistici alla vittoria a Pechino Express: la carriera in ascesa di Alessandro Onnis conduttore di Ridiculousness Italia

chiudi

Caricamento Player...

Alessandro Onnis è uno dei tre conduttori della prima edizione italiana di Ridiculousness. Il popolare show americano sbarca finalmente in Italia con la prima edizione trasmessa in prima serata su MTV Italia. Il programma, fenomeno televisivo degli ultimi anni, si prepara a far divertire il pubblico televisivo italiano con i miglior video pubblicati sui social e nel web!

Il debutto

Alessandro Onnis fino a poco più di un anno fa era un nome sconosciuto nel mondo dello spettacolo. Classe 1987, Alessandro è nato a Catania e sin da adolescente ha cominciato a muovere i primi lavorando come animatore turistico in giro per il mondo. Una scuola, quella dei villaggi turistici, che ha poi portato al successo grandi nomi dello spettacolo italiano. La grande occasione arriva con un reality show. Alessandro Onnis, infatti, si è presentato in gara con l’amico Stefano Corti a Pechino Express. Il docu-reality di Raidue condotto da Costantino della Gherardesca ha visto i due concorrenti gareggiare come “Coinquilini”. Un duo che ha immediatamente conquistato il pubblico italiano. Nonostante le buste nere e le tante difficoltà incontrate, i due “coinquilini” (nella vita e nel reality) sono riusciti a sbaragliare la concorrenza vincendo il reality.

Ridiculousness Italia

La vittoria a Pechino Express ha trasformato Alessandro Onnis in un personaggio televisivo. La coppia Onnis – Corti ha fatto divertire il pubblico di Pechino e si prepara a far divertire anche il pubblico di MTV Italia con la prima edizione italiana di Ridiculousness. Lo scorso 20 settembre, infatti, ha esordito su MTV la versione italiana del celebre programma americano condotto dalla coppia Onnis – Corti e dalla showgirl persiana Giulia Salemi. Un trio a cui toccherà commentare i video più esilaranti e divertenti pubblicati nel web in compagnia di ospiti speciali.

(fonte foto: Facebook)