Keira Knightley svela: dovevo chiamarmi con un altro nome

“Il mio nome doveva essere quello di una pattinatrice russa, ma mia madre all’anagrafe sbagliò a scriverlo”. Da quel momento l’originale nome Keira.

Keira Knightley, in un’intervista alla rivista inglese Elle, svela un particolare molto divertente della sua famiglia. Keira ha questo nome per un errore di sua madre all’anagrafe. Vero è che, qualunque fosse stato il suo nome, Keira Knightley avrebbe comunque ricevuto due nomination agli Oscar, ma resta il fatto che a riceverle sarebbe stata “Kiera”.

Il suo nome – un vero incubo per i giornalisti di tutto il mondo che hanno sempre un sacco di difficoltà a scriverlo e pronunciarlo- è infatti frutto di un banale errore di spelling.
In un’intervista ai microfoni della rivista Elle Keira ha raccontato:

“Dovevo chiamarmi ‘Kiera’ come una pattinatrice su ghiaccio russa”.

Il nome ha avuto origine quando il padre della bella Keira, Will Knightley, dopo averla vista in televisione, si invaghì della sportiva sovietica e decise di donare alla figlia in arrivo quel nome così particolare.

“All’anagrafe, però, ci andò mia madre e, invece di ‘ie’, ha scritto “ei”. Quando si tratta di fare lo spelling, mia madre è pessima”.

Una volta a casa il marito noto subito l’errore. Keira continua il racconto:

“Ma come?, disse ‘L’hai scritto male’. Ma cosa potevamo fare? Una volta che è su un pezzo di carta, è su un pezzo di carta”.

Ed intanto, la bella Keira Knightley vive serenamente l’attesa del primo figlio dal marito James Righton.

L’attrice ha confessato che, in questo momento della sua vita, preferisce indossare abiti comodi:

“Le persone indossano vestiti aderenti quando sono in dolce attesa, ma io non sono d’accordo. Non lo farò mai. La mia gravidanza sta affrontando bene questa stagione di premi: il mio unico accorgimento è non scegliere capi stretti, preferisco la comodità”.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 28-01-2015

Emanuela Bertolone

X