Jerry Collins, il rugbysta che ha salvato la figlia prima di morire

Ha messo il suo corpo come scudo e ha salvato sua figlia Ayla prima di morire: il gesto eroico di Jerry Collins

chiudi

Caricamento Player...

Un incidente mortale nel sud della Francia: l’auto con a bordo Jerry Collins, la moglie e la figlia, avrebbe sbandato a causa di un colpo di sonno della moglie che guidava e dopo aver sbattuto contro il guard rail, si sarebbe schiatata contro il pullman che arrivava nel senso opposto.

Nulla da fare per la coppia morta sul colpo, ma Jerry Collins, prima di morire, ha avuto la prontezza di creare con le sue braccia e il suo corpo una protezione per la sua bambina di 4 mesi che è sopravvissuta all’incidente.

Ayla è ancora ferita, ma le sue condizioni stanno migliorando grazie al gesto eroico del padre, ex capitano degli All Blacks. Ora la bambina è in Canada con i parenti della madre che si stanno prendendo cura di lei.

Jerry Collins, soprannominato Terminator, era un campione del rugby: nato nelle Isole Samoa nel 1980, è cresciuto a Wellington, in nuova Zelanda. Jerry Collins ha collezionato 48 presenze con la nazionale e 3 da capitano. Negli ultimi mesi giocava in Francia a Narbonne, nei pressi del quale ha concluso da eroe la sua vita.

Il suo gesto per salvare la figlia ha commosso tutti gli sportivi e in particolare i suoi compagni di nazionale che sicuramente faranno il possibile per far conoscere ad Ayla le imprese del padre.

Fonte foto: Huffington Post