L’Italia perde il Brand Krizia, la Vanità femminile vola in Cina

Il noto Brand italiano Krizia di Mariuccia Mandelli lascia l’Italia, il marchio vola in Cina formalizzando l’acquisto con il leader del mercato asiatico, Shenzhen Marisfrolg Fashion Co Ltd., entro aprile.

chiudi

Caricamento Player...

Un altra parte d’Italia prende il volo per l’Oriente, stavolta a lasciare il bel paese è Mariuccia Mandelli in arte Krizia, stilista e imprenditrice italiana, tra le più famose creatrici di moda.

Mariuccia Mandelli, in arte Krizia, nome preso in prestito dal dialogo di Platone sulla vanità femminile, si aggiudicò il premio Critica della Moda alla sua prima sfilata a Palazzo Pitti nel 1964.

La sua moda è fatta di ricerca, creatività, progetto e design, fondato su una nitida geometria, ma anche ricco di riferimenti e preziosismi. Ogni collezione di Krizia nasce sotto il segno di un animale portafortuna, in un crescendo di aggressività e in una sorta di giungla, diventata un rito: lo zoo di Krizia. Ricorrente anche l’influsso dell’arte moderna e contemporanea, la ricerca di nuovi materiali ed il suo famoso plissé.

Proprio questa sua creatività ha sempre attirato molta attenzione ed interesse della concorrenza estera e infatti si vocifera già da anni che Krizia avrebbe voluto vendere per godersi un po’ di tranquillità dopo più di 50 anni di onorata carriera.

Le voci ora sono realtà o meglio lo saranno ufficialmente ad aprile quando verrà formalizzato il contratto di vendita del noto marchio italiano Krizia all’azienda leader del marcato asiatico: la Shenzhen Marisfrolg Fashion Co Ltd..

Il comunicato apparso poche ore fa riporta poche parole di Mariuccia Mandelli: “La nuova proprietà porterà Krizia a raggiungere nuovi successi nel mondo”.

Il gruppo cinese è stato fondato nel 1993 da Zhu ChongYun, che ora è destinata a ricoprire il ruolo di presidentessa del board e direttrice creativa della casa di moda milanese. Shenzhen Marisfrolg Fashion è tra le 100 più importanti società di moda cinesi. Nel 2013 ha registrato un giro d’affari di poco superiore ai 419 milioni di dollari, operando con più di 400 punti vendita nei migliori centri commerciali e grandi magazzini di Cina, Corea, Singapore e Macao.

Nei prossimi cinque anni, la società prevede di aprire nuovi negozi a insegna Krizia a Pechino, Shanghai, Guangzhou, Shenzen e Chengdu e di riaprire gradualmente i punti vendita nelle più importanti città in Europa, Giappone e Usa, ma per i lavoratori italiani del marchio Krizia, non ci saranno cambiamenti poiché gli stabilimenti resteranno aperti.

Krizia di Mariuccia Mandelli lascia l'Italia
Krizia di Mariuccia Mandelli lascia l’Italia

«Siamo felici di aver incontrato la signora Zhu, con cui mi sono trovata subito in perfetta sintonia. Penso che abbia la forza e il talento per continuare al meglio il nostro lavoro e portare Krizia a raggiungere nuovi successi nel mondo», ha commentato Mariuccia Mandelli.

Zhu ChongYun: «Sono una grande ammiratrice del lavoro di Mariuccia Mandelli e davvero orgogliosa di prenderne l’eredità. Voglio dare continuità allo stile di Krizia, con collezioni tutte made in Italy. Sono decisa a rafforzare il mito di Krizia nel mondo, seguendone lo stile e ripetendone i grandi successi». 

Il debutto della sua prima collezione è atteso a Milano Moda Donna nel febbraio del 2015.