Isabella Ferrari parla della sua storia con Gianni Boncompagni nei primi anni ’80

L’attrice Isabella Ferrari, a Il Corriere della Sera, ha parlato della sua storia con Gianni Boncompagni, a pochi giorni dalla sua morte.

chiudi

Caricamento Player...

Isabella Ferrari è stata uno dei tanti vip presenti al funerale di Gianni Boncompagni, deceduto nei giorni scorsi e autore, tra le altre tantissime cose, di quello che fu un successone come Non è la Rai. L’attrice ebbe una storia con Boncompagni nei primissimi anni ’80, destando molto scalpore. Lei aveva soltanto 17 anni, lui 50. La Ferrari ricorda però con felicità quel periodo e, soprattutto, come Boncompagni la rispettò come donna.

Isabella Ferrari su Gianni Boncompagni: “Lui mi rispettava come donna, nonostante la differenza d’età!”

Isabella_Ferrari_marito
FB_Isabella_Ferrari_marito

Isabella Ferrari ha detto: “Non ho mai nascosto di aver avuto un amore con Gianni. Ci siamo conosciuti a Sotto le Stelle, di cui era regista. Avrò avuto 16 anni o 17 anni e, nonostante la differenza d’età, lui mi rispettava come donna. Dopo, ho fatto l’attrice, mai spettacoli in Rai. La mia carriera parla da sola. Ho usato la bellezza, non ci vedo nulla di male. Poi ho cercato altro”.

Successivamente la Ferrari ha avuto una storia anche con il regista Marco Tullio Giordana e con il designer Massimo Osti, con cui ha avuto la figlia Teresa. Dal 2005, però, Isabella è sposata con il regista Renato De Maria, con il quale ha avuto due figli: “In maniera miracolosa eravamo amici prima e lo siamo ancora. Ci siamo creati nostri spazi nella famiglia, andiamo in vespa a vedere i film in lingua originale. E’ bello invecchiare rimanendo giovani. Ed è bello anche sapersi annoiare da soli, altrimenti la famiglia e il lavoro assorbono tutto”.

L’attrice, assente sulle scene dal 2015, ha anche accennato ad una malattia che l’ha colpita, preferendo, però, non approfondire l’argomento: “Mi sono ammalata e sono guarita. Punto. E, la prego: lo dico con il punto. Sono stata obbligata a scendere dai tacchi, a prendere in mano la mia vita da un’altra parte, a riscoprire il piacere di ogni istante della giornata”.