Intervista Esclusiva a Cristel Carrisi, una ragazza che ama esprimere la propri creatività senza arrendersi mai

Cristel Carrisi è una ragazza creativa che ama “spargere positività e gioia” grazie anche al suo nuovo brand di costumi da bagno CrisBerry: il suo sogno è quello che le donne che lo indossano possano “amarsi e sentirsi comode nel proprio corpo con l’obiettivo finale di essere sicure di se stesse”.

chiudi

Caricamento Player...

La bella e talentuosa Cristel si è raccontata a Donna Glamour in un’esclusiva intervista che vi riportiamo qui di seguito:

Su di te

Sei nata in Italia, cresciuta all’estero e sei sempre in viaggio per il mondo. Quale posto senti casa tua? Ho la fortuna di avere imparato ad adattarmi sempre nei luoghi in cui mi trovo quindi ci sono molti posti in cui riesco a sentirmi a casa. Ho sempre amato viaggiare (anche perché da piccola non avevo scelta!) ma amo meno le grandi città quindi più sono vicino alla natura, più a casa mi sento!

Riesci in tutto quel che fai: cantare, recitare, cucinare, fare la stilista, l’imprenditrice e tanto altro. Cosa senti più nelle tue corde? Credo che qualsiasi settore in cui posso esprimere creatività, ogni cosa in cui mi cimento è sempre una forma di espressione, non riuscirei a fare qualcosa di statico che non stimoli la mia inventiva e la mia voglia di comunicare.

E’ stato importante crescere in una famiglia di artisti? Mi ha dato una visione del mondo molto particolare ed il modo di approcciarmi nella vita diverso dalla norma. Non lo cambierei per niente al mondo! Mi hanno insegnato a non fermarmi mai alla superficie e di scavare in profondità la vita, si vive più intensamente ma ne vale la pena.

Cos’hai ereditato da mamma e cosa da papà? Che cosa ti hanno trasmesso? Mamma è eterea e spirituale, mentre mio padre concreto e razionale ma in comune hanno quell’animo sensibile dell’artista. Credo di aver ereditato sia la voglia di leggerezza e di vivere 3 metri da terra come mia madre e la voglia di tangibilità e concretezza da mio padre.

Il tuo sogno nel cassetto? Un mio sogno sarebbe di continuare a vedere il mio brand CrisBerry crescere e diventare un brand sempre più affermato. Ci lavoro incessantemente, i sogni si avverano solo avendo bene in mente la meta e lavorando sodo senza mai arrendersi!

La felicità per te in cosa consiste? In verità ci vuole ben poco. La felicità consiste principalmente nel non essere ossessionati con se stessi e con i propri problemi, preoccuparsi del prossimo ed essere grati delle piccole cose della vita: una giornata di sole, la bellezza di un albero, un caffè con un caro amico. Ci vuole davvero poco.

Talento

È una dote naturale o la si ottiene con fatica? Una base dovrebbe esserci, ma non basta solo il talento per andare lontano. Il mio insegnante di pianoforte me lo diceva sempre, già da poche lezione riusciva a capire quando dire al ragazzo di non perdere tempo con la musica o se aveva la stoffa. E poi c’era da mettersi sotto, ore e ore di scale e solfeggi, quindi tantissima fatica e rotture!

Possono nascere e crescere talenti in Italia secondo te? L’Italia è piena di talento! Purtroppo abbiamo anche un grandissimo talento nel lamentarci di tutto e ci tiriamo la zappa sui piedi da soli, dicendo che in italia le cose non vanno, nulla funziona, è tutto una raccomandazione. Ovviamente ci sono delle verità in questo, ma agire e lamentarsi richiede la stessa fatica e i risultati sono completamente diversi!

Affari di cuore

Sappiamo che sei fidanzata! Che cos’è per te l’amore? Prendersi cura l’una dell’altro, ammirare la persona con cui si sta e non scoraggiarlo mai, incoraggiare i sogni altrui ed essere il miglior sostenitore del proprio compagno. Mi chiedo sempre: se non fossi ciecamente innamorata, mi piacerebbe lui come persona?

Pensi al matrimonio e ad una tua famiglia? Certo che ci penso, ma non ho la smania ne la fretta. Arriverà il momento giusto!

Se si ti sposerai nella chiesa dei tuoi genitori? Non saprei onestamente, idealmente mi piacerebbe sposarmi immersa nella natura. Ma chissà!

Parliamo di moda

Com’è nata l’idea di CrisBerryCrisBerry ufficialmente è nata 4 anni fa dopo aver studiato digital design negli Stati Uniti, ero ossessionata dalle tecniche di stampa sulla stoffa e dal creare fantasie da far vivere su diversi tipi di stoffa e textures. E’ nato così il mio marchio, con pochissimi soldi inizialmente, ogni ricavo lo rimettevo in investimenti per far crescere l’azienda, spero presto di potermi permettere una bella cena dopo 4 anni di lavoro! 

Leggi anche: Cristel Carrisi firma la sua linea mare CrisBerry creata per gli spiriti liberi

chiara crisberry-53

A cosa ti ispiri per i tuoi costumi? A qualsiasi cosa potesse far sorridere, la voglia di spargere positività e gioia! Faccio tanta ricerca su modelli e fantasie girando per il mondo e amo vedere le differenze che le ragazze preferiscono nel bikini a seconda dei paesi e continenti!

crisberry-1

Cosa deve trasmettere la donna che li indossa? Amare se stesse e sentirci comode nel proprio corpo e fisico. Non c’è cosa più attraente in una donna, ci fissiamo con cose che nessuno nemmeno nota e trascuriamo il lato più importante: essere sicure di noi stesse.

chiara crisberry-39

Chiara Nasti è una famosa fashion blogger testimonial del tuo marchio. Com’è nata la vostra collaborazione? Finalmente avevo racimolato abbastanza guadagni con CriSBerry da poterci permettere una testimonial importante e volevo scegliere una ragazza che potesse comunicare i valori del brand: allegria, freschezza e positività. Chiara mi è sembrata perfetta e ho semplicemente mandato una mail all’indirizzo indicato nel suo blog, mi ha richiamata il suo manager e qualche mese dopo eravamo a Los Angeles per lo shooting della nuova campagna!

chiara crisberry-41

Guarda qui la fotogallery completa della linea mare CrisBerry

Sappiamo che viaggi molto e siamo in periodo di vacanze! Racconta alle lettrici di Donna Glamour che cosa non manca mai nella tua valigia? La cosa che più odio quando viaggio è fare e disfare la valigia, infatti è sempre un casino! Non mancano mai semplici tshirt bianche e jeans, completi per fare ginnastica (la faccio in qualsiasi luogo mi trovi!), olio di cocco (lo uso sia come idratante per la pelle che per i capelli d’estate) ed un vestitino versatile che posso indossare in 5 modi e occasioni diverse!

Parliamo di cucina

Raccontaci della tua passione per la cucina. Com’è nata? Sempre nello stesso anno in cui stavo studiando digital design negli Stati Uniti, abitavo per caso accanto ad un’accademia culinaria. Non sapevo friggere un uovo e così ho pensato che fosse un segno! Dopo 6 mesi di 10 ore di lezione a settimana, è uscita Cristel super chef!!

Leggi anche: La figlia di Al Bano e Romina, Cristel Carrisi, conduce un programma di cucina su Telenorba

Qual è il piatto che ti piace di più cucinare e quale ti viene meglio? Amo fare i dolci e mi riescono da dio!! Adoro specialmente cimentarmi nella pasticceria americana perché vivendo in Italia mi manca tantissimo mangiare un buon cupcake, in Italia fanno delle copie tremende!!! Se avessi il tempo farei una vera bakery americana a Roma!

Una tua ricetta segreta? Spesso invento le ricette oppure le converto in versioni vegane e senza glutine! Faccio dei biscotti e torte che non direste mai che sono senza zucchero, senza glutine, senza burro e senza uova! Quando l’ho detto alle mie amiche mentre assaggiavamo la buonissima torta mi hanno chiesto: “ Ma allora che cavolo ci hai messo??” Ho sostituito gli ingredienti con equivalenti più sani ed il risultato è strabiliante!!

Il piatto della tua infanzia? Sono cresciuta in un piccolo paesino del sud Italia, con una nonna molto Italiana ed una madre americana. Quindi la mia infanzia l’ho passata mangiando pancakes a colazione, con mia nonna che mi rincorreva per farmi mangiare l’uovo fresco della gallina! Ero sempre a cavallo tra tanti estremi e viaggiando sono stata esposta anche a tanti tipi di cibi diversi, è stata la migliore università culinaria per conoscere tanti ingredienti e gusti differenti.

La redazione di Donna Glamour ringrazia Cristel Carrisi per la sue gentile disponibilità.