Vasco Rossi, un filo di barba, immancabile berrettino verde, ha scelto il Medimex, il Salone dell’innovazione musicale qui a Bari, per presentare con la solita ironia l’album che uscirà domani

Vasco, dal palco di Bari parla della sua ultima fatica:

“Sono innocente, ma se volete che dica che sono colpevole lo faccio! L’importante è essere onesti, imparare a mantenere le promesse”.

Sono innocente, l’ultimo lavoro di Vasco, è un mix di rock e ballad, provocazioni e contrasti, dolcezze e ostacoli da affrontare e rimuovere perché il primo dei suoi “komandamenti” è “non mollare mai”. Dieci inediti, tra cui Come vorrei, le tre anticipazioni L’uomo più semplice, Cambia-menti, Dannate nuvole e due bonus tracks inedite.

“Sono innocente è provocatorio, l’artista è sempre innocente quando compone la sua opera, è l’uomo che a volte non lo è”, continua la 52enne rockstar emiliana. E in una strofa inziga: “Vediamo come te la giochi / se vivi tra due fuochi / se cadi come un pollo / o resti in piedi come Rocky”. “È uno sberleffo – spiega Vasco – perché il rock è così. Il rock è come il sesso: è la cosa più divertente che faccio senza ridere…”.

Tra gli inediti spicca la ballad Aspettami: “Aspetta che arrivi, ci sto provando, mi senti immaturo, aspettami – racconta ancora Vasco –, è una richiesta struggente a una donna”.

La svolta heavy Cartoline di vita che si rincorrono, lanciate dal singolo Come vorrei, girato a Ridracoli, provincia di Forlì-Cesena, nell’Appennino romagnolo . “Se vogliamo cambiare il mondo non possiamo tenerci soltanto le cose belle, ma accettare anche quelle che ci piacciono di meno. Piano piano sono arrivato a pensarla così». È un Vasco raro, poco abituato a parlare sul palcoscenico («mi raccomando, fatemi domande facili!»), un regalo per i fan.

“Ogni album nuovo è un nuovo inizio, non so bene di cosa… In questo ci sono tre copertine diverse, ognuno sceglie quella che preferisce, c’è il Vasco di ieri, oggi e domani. Io sono contento di creare musica, portare gioia e cambiare l’umore di una giornata, ringrazio tutti voi, il cielo e la chitarra”.

Vasco, con il LiveKom 014, premiato come miglior tour dell’anno al Medimex, si è rimesso in gioco alla grande e in camerino continua a raccontarsi Vasco. “Chi sono oggi i colpevoli? I ladri, i corruttori, quelli che s’infilano cinquemila euro nelle mutande”. Qualche mese fa aveva detto di essere un tifoso del premier Matteo Renzi, e oggi? “Non lo so, sinceramente, non leggo i giornali, leggo libri.

Io sono un giullare, porto gioia. Il periodo che vivo oggi è stimolante, alzo sempre un po’ di più l’asticella. Non sono mai pari, sono sempre un numero dispari”. E questa estate tornerà in tour, con 14 date da metà giugno a fine luglio, da Nord a Sud, passando da San Siro che è ormai la sua casa.

“Sarà uno sballo, la svolta heavy continuerà, dal vivo siamo molto più duri”. Voglia di raccontarsi anche nello speciale di Sky Arte, Ogni volta Vasco – L’uomo che hai di fronte, mercoledì alle 21.45 andra in onda l’ultima puntata, un viaggio tra le sue emozioni.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19

TAG:
bari

ultimo aggiornamento: 03-11-2014


Giusy Versace in un’intervista: “Corro e ballo senza gambe…”

Dopo tante delusioni, Vittoria Puccini ritrova l’amore