Importante scoperta medica: con un apparecchio ai denti si possono curare moltissimi disturbi

Una nuova disciplina dentistica sottolinea la relazione tra bocca, corpo e psiche: per raddrizzare i denti storti, nasce un ‘attivatore plurifunzionale’ in caucciù al posto dell’apparecchio tradizionale

E’ totalmente “Made in Italy” la nuova filosofia in grado di evidenziare la stretta relazione che c’è tra la salute dei nostri denti ed il benessere dell’intero organismo.

L’idea è nata 30 anni fa in Francia quando i medici dentisti Rodrigue Mathieu e Michel Montaud hanno dato vita ad una serie di ricerche sul linguaggio simbolico dei denti che spiegherebbe molto sulla psiche di ciascun individuo.

Si tratta di una vera e propria professione: il dentosofo riuscirebbe infatti a risolvere vecchi traumi interiori o disturbi fisici con uno strumento alquanto singolare: l’attivatore plurifunzionale.

Praticamente è di una sorta di paradenti da pugile realizzato in caucciù da indossare solo poche ore al giorno. Questo permette di intervenire sulla psiche, sul fisico e sui denti.

Il tutto venne alla luce quando Montaud, che aveva un figlio di otto anni con la maggior parte dei denti cresciuti nel palato, dimostrava gravi problemi di occlusione e seri disturbi fisici e nervosi con brutti incubi notturni. L’uomo un giorno andò a una conferenza odontoiatrica e scoprì l’attivatore plurinfunzionale. Ne portò uno a casa per il figlio, senza credere minimamente che potesse avere alcun effetto su di lui.

Dopo poco tempo però Montaud vide i denti del figlio spostarsi verso la loro sede e dare fine agli incubi di cui soffriva e persino le crisi epilettiche.

Lo usò anche lui e il suo mal di schiena scomparve rapidamente.

A fare la differenza è il materiale estremamente morbido rispetto al classico apparecchio dentale. Una volta messo in bocca, si mordicchia al fine di creare un equilibrio non forzato tra denti e cranio e di conseguenza sulla postura.

Il dottor Francesco Santi, Medico-Dentista di Torino spiega:

“Dopo alcuni mesi denti e mandibola si allineano, risolvendo spesso anche dolori muscolari e scheletrici. Molti problemi di salute sono causati dalla lingua non posizionata nello spot palatino e dalla respirazione orale che affatica il cuore e provoca disturbi dell’apparato respiratorio, tra cui otiti, tonsilliti recidivanti, tracheiti. Inoltre, la respirazione orale non permette all’osso mascellare di svilupparsi correttamente.”

Aggiunge ancora il dottor Santi:

“Deglutiamo più di 2.000 volte al giorno e la lingua è un insieme di muscoli molto forti. Se a ogni deglutizione spinge sul palato, questo si allargherà e ci sarà posto per tutti i denti. Se invece spinge in altri punti, causerà delle deformazioni delle arcate e il palato rimarrà stretto”.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 25-02-2015

Emanuela Bertolone

X