Ilona Staller e il racconto a Domenica Live di come riuscì a rapire il figlio

Da Barbara D’Urso, Ilona Staller ha raccontato di come sia riuscita a rapire, svariati anni fa, il figlio Ludwig nato dalla relazione con Jeff Koons.

chiudi

Caricamento Player...

Ospite di Barbara D’urso con suo figlio Ludwig, Ilona Staller, conosciuta come la pornostar diva degli anni ’80 Cicciolina, ha raccontato di come, svariati anni fa, sia riuscita a rapire negli USA lo stesso Ludwig, nato dalla relazione con l’artista statunitense Jeff Koons. L’ex pornodiva, con un libro in uscita sulla sua storia, ha raccontato la sua triste vicenda che per fortuna si è poi conclusa bene.

Ilona Staller: “Ecco come ho portato mio figlio Ludwig da suo padre”

ilona staller

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/staller.ilona?fref=ts

Ilona ha raccontato: “Questa storia, ogni volta che ci ripenso, mi sconvolge. E sono passati 23 anni. Il padre lo  ha portato in America, io sono andata e ho capito che non avevo alcuna possibilità: ero ungherese e pornodiva e Koons in America è molto amato e aveva uno degli studi legali più importanti, così ho rapito mio figlio. Ho tinto i capelli castani e messo lenti a contatto colorate. Non posso raccontare tutto, però, uscirà un libro”.

Anche Ludwig, che sta per iscriversi all’Accademia delle Belle Arti, ha spiegato di essere stato molto colpito da questa vicenda: “Verso i 5/6 anni ho capito di essere molto conteso. Io volevo stare a Roma, ma ero afflitto da avvocati e cause. Io non ho rimpianti. La cosa più brutta sono stati gli avvocati. Vedi tuo padre che soffre, tua madre che soffre, tutti che spendono tanto per gli avvocati e tu non sai che fare, dove andare”. 

In studio, c’era anche il legale di Ilona Staller che ha portato a Barbara D’Urso un mazzo di rose bianche per mettere fine a delle incomprensioni che c’erano state tra i due nel corso delle puntate precedenti e che vedono la ex pornodiva coinvolta in un processo per truffa, dopo la richiesta di risarcimento per essere stata morsa da un cane.

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/staller.ilona