Il Volo sotto accusa: l’hotel si difende

Il Volo sotto accusa. Il direttore dell’hotel distrutto si difende: “Non ho inventato nulla, glorificate la maleducazione”

chiudi

Caricamento Player...

Non si parla d’altro da giorni: il trio, vincitore del Festival di Sanremo, Il Volo sotto accusa per aver distrutto la camera d’albergo dell’ Hotel Du Lac di Locarno. Ha parlato nuovamente il direttore dell’albergo Guido Casparis, intervenuto a Pomeriggio 5 mentre il trio era ospite a La vita in diretta. Il direttore era stato accusato di aver esagerato con la sua denuncia e di essersi inventato tutto, così ha deciso di ribadire la verità: “Vorrei mettere la parola fine su questa vicenda. La maleducazione viene giustificata e glorificata. Invece di ricevere scuse, siamo stati accusati di esserci inventati tutto. Per voce del loro addetto stampa, gli artisti hanno dichiarato che il nostro albergo è sporco e polveroso, cosa non vera stando a quanto affermano le recensioni dei nostri clienti. La verità sta nelle parole delle cameriere ai piani che da me riceveranno un omaggio floreale per il lavoro svolto.”

La storia ha dell’incredibile, si parla addirittura di urina e feci sui muri della stanza, tutte cose che il trio ha smentito. Il loro ufficio stampa Danilo Ciotti ha spiegato la sua versione dei fatti: “L’unica cosa che so da chi li accompagna è che non è successo niente di tutto questo, anche perché non è nella loro indole, non siamo di fronte a tre ragazzi di una boy band di quelli che bevono, si ubriacano. Sono tre ragazzi per bene, credo che l’unica cosa su cui abbiano avuto da ridire è la moquette piena di polvere che per loro significa la fine, allergia.”

La parola de Il Volo contro quella del direttore dell’albergo, il dibattito continuerà per lungo tempo. Per ora è intervenuto anche Pasquale Mammaro, editore della canzone vincitrice del Festival di Sanremo, “Grande Amore”, in difesa dei tre ragazzi: “Mi sembra tutta una montatura. Si vede che questwe donne delle pulizie non sono fan del Volo. I ragazzi sono educatissimi”.