“Il mio video porno online è stata una violenza orrenda”: Belen svela i retroscena

Belen si racconta ad Announo e svela i retroscena che nessuno conosceva sul suo video porno finito in rete

chiudi

Caricamento Player...

Belen Rodriguez è stata uno degli ospiti di Announo, condotto da Giulia Innocenzi, durante il quale si è parlato di giovani e cyberbullismo, un problema purtroppo molto diffuso e di cui è stata vittima anche la showgirl.

Leggi anche: “Nessuna crisi! Voglio un altro figlio da Belen”: parola di Stefano De Martino

Si discute dei pericoli in cui incorrono ragazzi e ragazze vittime di cyberbullismo e Belen Rodriguez racconta la sua esperienza. Si tratta del video porno che l’ha vista protagonista quando aveva appena 18 anni, che fu messo in rete creandole non pochi problemi.

“Mi succedono quasi tutti i giorni queste cose. Sembra che l’insulto sia di tendenza, ma ormai ci ho fatto l’abitudine. Se fai parte del mondo delle showgirl fai automaticamente parte delle ‘tr**e’, come se ci fosse un legame. Io l’apice l’ho toccato quando hanno pubblicato un video mentre facevo l’amore con un fidanzato in Argentina. Là è stato brutto, per due mesi non volevo uscire di casa e per me è stata una violenza orrenda. Quel video non l’ho mai visto, potrei morire. Però è brutto che tutti possano avere accesso.”

Nonostante gli sforzi di tutti questi anni, si è rivolta ai tribunali e addirittura a Google, non è riuscita a farlo cancellare.

“Il video è ancora online, ho fatto di tutto, spendendo un sacco di soldi. Dopo quella cosa ho smesso di fotografarmi anche solo una te**a. È stato brutto.”

Per quanto riguarda l’argomento web e social network, Belen è stata presa spesso di mira per condividere costantemente troppe foto e video di suo figlio Santiago, nonostante abbia affermato di volerlo difendere e tenere lontano da quel mondo.

“Argomenti diversi, vorrei che mio figlio vivesse come un 12enne e non che stesse sempre su internet (andasse a fare sport). Un altro discorso è che io decido, da madre, di condividere i momenti con mio figlio.”