Il leggendario Squirting esiste davvero?

Lo squirting, ovvero l’eiaculazione femminile, è una delle grandi leggende relative all’ orgasmo femminile. C’è chi sostiene di averlo sperimentato, ma esisterà veramente? Scopriamolo insieme.

Lo squirting è l’equivalente femminile dell’eiaculazione a seguito di un orgasmo: consiste nella produzione di  un liquido chiaro, insapore e inodore derivante dall’orgasmo femminile.

Una donna può arrivare a produrre fino a dell’orgasmo 400 ml di liquido in un solo atto sessuale, ma non tutte riescono a sperimentare lo squirting, il che da sempre lo rende una specie di leggenda metropolitana, soprattutto considerata la sua diffusione nei film porno.

Lo squirting è generato dalle ghiandole di Skene, che hanno la funzione di aumentare la lubrificazione della vagina e che espellono un liquido chiaro in seguito alle contrazioni muscolari successive all’orgasmo.

Sebbene tutte le donne abbiano le ghiandole di Skene, la loro conformazione non è uniforme e dipende da una serie di fattori, che fanno sì che non tutte le donne siano in grado di sperimentare lo squirting.

Leggi anche Sfatiamo i luoghi comuni del sesso.

Alcune donne, infatti, riescono ad eiaculare facilmente a causa di uno stimolo androginico, provocato da un’elevata presenza di un ormone maschile all’interno di queste ghiandole.  Questo sarebbe il motivo per cui solo il 10% delle donne riesce a sperimentare lo squirting.

Resta il fatto che chi sostiene di aver provato lo squirting lo descrive come una esperienza indimenticabile.

Se vuoi altri aggiornamenti sul mondo femminile, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy

ultimo aggiornamento: 05-03-2015

Lorenza Marotti

X