Il figlio di Simona Ventura lascia l’Italia e si trasferisce con papà Stefano Bettarini

Al settimanale Visto, Stefano Bettarini parla di suo figlio Niccolò e dice: “A 16 anni ha lasciato tutto”. Il figlio più grande di Simona Ventura si è trasferito in America col papà.

chiudi

Caricamento Player...

Al settimanale Visto, Stefano Bettarini ha raccontato la sua nuova vita lontana dai riflettori della vita mondana a cui era tanto abituato in Italia.

Appese le scarpette al chiodo, Bettarini ha dichiarato che suo figlio si è trasferito con lui a Miami e che proprio negli Stati Uniti frequenterà il college:

Ha infatti raccontato l’ex calciatore:

“Miami la conosco dagli anni ’90 e inserirsi non è stato difficile. In America, a differenza dell’Italia, ci sono più opportunità lavorative. Al momento mi sto guardando attorno e valuto diverse cose. Preferisco scegliere bene e non sbagliare. Ilenia ha preso bene questa nuova vita e ha portato qui anche i suoi figli. Mio figlio Niccolò vive con me. Ha 16 anni, in Italia ha lasciato i suoi amici e i suoi fratelli, inizialmente non era favorevole all’idea di andare al college. Ma ora è contento di quest’esperienza, una grande opportunità per lui. Sto valutando concretamente la possibilità di restare a vivere qui. Alle persone italiane che incontro a Miami, alle quali faccio la stessa domande, loro mi rispondono: “Tornare in Italia? Ma sei pazzo!”. Come dare loro torto, visto come sta andando il nostro paese. Fanno di tutto per far scappare le persone. Il cibo italiano si trova anche qui e con Skype la lontananza non si sente”.

Una scelta di vita importante quella di Stefano Bettarini condivisa infatti anche dalla sua compagna Ylenia. Una vita normale, lontana dalla mondanità tipica italiana:

“A vivere lontano dai riflettori ci si abitua. È un passo dovuto. Il problema è che molti non lo accettano e credono di poter essere sempre al centro della scena. Ma non è così: c’è un tempo per tutto e per tutti. Errori nella vita? Chi non ne fa! Quello che ho fatto mi è servito a diventare quello che sono oggi. Ringrazio anche chi mi ha fatto del male perché grazie a loro ho conosciuto le persone che mi amano e che mi fanno del bene”.