Il dramma di Celine Dion: il marito René vuole morire tra le sue braccia

La malattia di Renè, marito di Céline Dion peggiora sempre più, e lui chiede solo di morire tra le braccia della sua amata.

chiudi

Caricamento Player...

Sono sposati dal 1994, Celine Dion e René Angelil, e ore, stanno passando uno dei momenti più difficili della loro vita sull’onda del successo. Il marito di Celine Dion è infatti gravemente malato di cancro alla gola, una malattia che lo sta portando inesorabilmente alla morte.

In un’intervista a Usa Today, Celine Dion ha raccontato il loro dramma degli ultimi mesi:

“Gli ho detto: “Hai paura? Lo capisco. Parliamone”. E René mi ha detto: “Voglio morire tra le tue braccia”. “Ok, va bene, sarò con te, morirai nelle mie braccia”. Abbiamo chiesto ai medici molte volte quanto tempo resta, tre settimane, tre mesi? René lo vuole sapere. Ma loro dicono che non lo sanno.”

Uno degli ultimi desideri del marito di Celine Dion è quella di vederla di nuovo sul palco di Las Vegas a cantare e infatti, è quello che farà nei prossimi giorni.

“In un primo momento non volevo venire, non è una cosa di cui ho bisogno. Non fraintendetemi, mi piace cantare per la gente, ma ora ho altre priorità. Ma René ha voluto farmi questo regalo. Non dimenticate che lui è stato la mia guida per tutta la mia vita. Lui vuole questo, che faccia spettacoli, interviste. Anche se soffre quando non sono a casa con lui. “

L’amore tra Renè e Celine fu molto criticato, soprattutto agli inizi, quando lei era molto giovane, ma loro sono sempre stati innamorati e uniti, e hanno avuto tre figli René-Charles (14 anni) e i gemelli Eddy e Nelson (5 anni). Celine Dion lo ha sempre definito “l’unico uomo della sua vita”.

“Il mio lavoro più importante, ora, è dire a mio marito: “Stiamo bene. Mi prenderò cura dei nostri bambini. Tu ci guarderai da un altro posto”. Vedere qualcuno che sta combattendo una lotta così difficile, ha un grande impatto su di te. Hai due scelte. Guardare tuo marito malato e non fare nulla, una cosa che ti uccide. Oppure guardarlo e dirgli: “Io sono qui con te. E andrà tutto bene”.